da "MONDO SOMMERSO" / Marzo 1988

NB. - In questa serie di sette articoli sull'ambiente marino tropicale delle Maldive, pubblicati  da Mondo Sommerso tra
il Dicembre '87 e il Novembre '88, sia le foto che i testi sono  di proprietà del sottoscritto, e pertanto li riproponiamo entrambi.

VIVERE IN SIMBIOSI

INQUILINI SUL FONDO


In natura s'incontrano molteplici esempi di associazionismo fra i vari organismi
viventi, e il mare ne mostra molti, anche tra specie diverse. I pesci e e i crostacei
con le attinie, i molluschi con le alghe, i gamberetti con le stelle marine. In tutti
i  casi si realizza una simbiosi più o meno mutualistica, che
consente agli organismi di vivere e sopravvivere

Testo e foto di Brigitte Cruickshank e Guido Picchetti
 


Sopra, nella foto grande del paginone di apertura del servizio, un forte ingrandimento del lato ventrale
di una stella marina del genere
Culcita, sulla quale si vede, in prossimità di uno dei canali radiali,
un gamberetto
Periclimenes soror, tipico simbionte commensale di questi echinodermi.
La
Culcita è un asteroide che per la sua forma particolare viene comunemente chiamato Stella cuscino (foto in basso); difficilmente i suoi gamberetti simbionti l'abbandonano, realizzando uno dei tanti casi di vita in comune,
in un'associazione che lega organismi appartenenti a specie diverse
 

I simpatici pesci pa-
gliaccio (
Amphiprion
percula
) sono i
simbionti per
antonomasia, e rappresentano un
classico esempio di
inquilinismo,
commensalismo e mutualismo.
Le attinie che li
ospitano appar-
tengono a generi vari

 

La barriera coralllina è certamente uno degli ecosistemi più belli e complessi esistenti al mondo. La densità di popolamenti e la diversità di specie che caratterizzano quest'ambiente è straordinaria. Ma ciò che soprattutto può risultare affascinante per chi, studioso o semplice appassionato di biologia marina, si immerga, ad esempio, su un fondale delle Maldive, è l'osservazione delle relazioni che intercorrono tra i vari organismi del reef. Per sua natura la barriera corallina favorisce tale associazionismo, anche tra organismi di specie diverse.  Si è  visto infatti  che  al-

 

cuni  gruppi animali,  che nelle acque temperate conducono vita libera e indipendente ("asimbiotica", la defini-rebbero gli studiosi), nelle comunità co-ralline hanno un comportamento mar-catamente simbiotico, legato cioè alla vita di altri organismi.

Varrà la pena, a questo punto, chiarire qual è il concetto moderno di simbiosi, un termine che, dopo un periodo di con-fusione tra gli stessi studiosi (che lo usavano prevalentemente per indicare un particolare tipo di relazione intercorrente tra organismi diversi), ha recentemente riacquistato il significato più generale per cui nel lontano 1879 era stato coniato dal naturalista francese De Bary:  un significa-

 

to che risulta del tutto corrispondente alla sua etimologia greca: vivere insieme. Oggi, infatti, con il termine di simbiosi vengono indicate tutte le forme di as-sociazione  che  legano,  con caratteri  e finalità differenti, determinati  organismi appartenenti a specie diverse. Possono essere associazioni mutualistiche, in cui è generalmente uno dei partner ad avere un ruolo attivo, e viene chiamato simbionte; mentre l'altro, avente ruolo passivo, è indicato con il termine di ospite.

Una forma di associazione simbiotica di tipo non mutualistico è il Parassitismo, in cui abbiamo  l'organismo  simbionte  che  vive  a spese dell'ospite in metabolica dipendenza,  come  direbbero  ancora   gli

 

studiosi per distinguere il vero parassitismo da quello che potrebbe essere, ad esempio, solo un fenomeno di dipendenza o di abitudine alimentare. Tra i parassiti troviamo gli organismi più degenerati e altamente specializzati che si conoscano: organismi che in certi casi sono ridotti ai soli apparati digestivo e riproduttivo, totalmente inglobati nel corpo dell'ospite. Vermi, crostacei, molluschi: sono i gruppi animali che contano nel mondo della barriera corallina numerose specie parassite, certamente interessanti, ma non sempre distinguibili a occhio nudo durante un'immersione. Più numerose e varie (ed anche facilmente riconoscibili) sono invece le forme non parassitiche  di  associazione  simbiotica,

 

distinte dagli specialisti prevalentemente in funzione della finalità che il simbionte si prefigge di ottenere scegliendo di vivere insieme all'ospite. Se il fine è quello di ricevere protezione abbiamo il cosiddetto Inquilinismo. I pesci pilota che viaggiano davanti ai grossi squali; i piccoli sgombri che vanno con la corrente tra i filamenti urticanti delle meduse; i pesci pagliaccio che si nascondono tra i tentacoli velenosi delle attinie: sono alcuni classici esempi di questo tipo di simbiosi. Affine all'inquilinismo è l' Endoecismo, termine con il quale più precisamente si suole indicare quell'associazione in cui il simbionte trova abitualmente rifugio nella tana di un'altra specie animale. Accade con i tubi scavati nella sabbia o nel fango da certi vermi marini, che offrono a volte riparo non solo al legittimo proprietario, ma anche ad altri organismi: granchietti, molluschi e piccoli gobidi.

Ancora forme di simbiosi sono la Foresi, in cui la finalità è il trasporto (vedi la presenza dei balani sui gusci di certe tartarughe); l'Epizoismo, in cui gli organismi interessati, per potersi assicurare un substrato solido per il loro insediamento, vivono gli uni sugli altri; e il Commensalismo, un termine con il quale si usa anche indicare ogni forma di associazione che non sia né parassitica, né mutualistica, ma in cui il cibo disponibile venga diviso tra i partner, o rubato dall'uno all'altro senza danno o  risentimento apparente per alcuno.

 

Sopra uno degli esempi più
straordinari e curiosi
di simbiosi tropicale:
è dato dal bellissimo
Granchietto Pugilatore,
che nella foto a lato
 è ritratto nel suo tipico
atteggiamento difensivo da
boxeur. Le attinie di cui si serve
sono trasportate dal primo paio
dei suoi arti anteriori

 


In verità, nessuna di queste forme sim-biotiche non parassitiche è esclusiva di altre. Anzi, di solito se ne ritrova più d'una contemporaneamente nella stessa associazione. Il Commensalismo, ad e-sempio, è presente in gran parte delle altre forme di relazioni animali sud-descritte. I piccoli granchi che trovano abitualmente riparo nelle tane dei vermi, si cibano del muco dell'ospite; così come certi gamberetti nascosti all'interno di grossi bivalvi, si alimentano del plancton aspirato dal sifone inalante del mollusco che li ospita. La Simbiosi Mutualistica di cui dicevamo all'inizio, resta tuttavia l'unica forma di associazione in cui entrambi i partner, il simbionte è l'ospite, guadagnano  qualcosa, ricevono cioè qual-

 


 

 

La Tridacna gigas è uno dei più grandi molluschi bivalvi tropicali. Alla sua crescita contribuiscono in  modo determinan-te come simbionti le Zooxanthellae, piccole alghe monocellulari presenti nei suoi tessuti. Sono queste stesse alghe
a conferire al manto dell'animale la stupenda colorazione che si vede
nella foto macro a fianco

 

che vantaggio dalla reciproca presenza, dimostrando realmente come l'unione faccia la forza. E nella barriera corallina la grossa Tridacna ci offre uno straordinario esempio di questo tipo di simbiosi. La stupenda colorazione del suo tessuto animale, che mette così in bella mostra allorché tiene aperte le sue valve, è data dalla presenza di una quantità di eccezionali simbionti: sono le Zooxanthellae, alghe unicellulari che, inglobate nell'organismo del mollusco, ne agevolano il metabolismo, assorbendo l'anidride carbonica di scarto dell'animale e favorendone al tempo stesso l'ossigeno tessutale.

Tra i tanti esempi straordinari di simbiosi che possiamo scoprire tra i coralli del reef, c'è quello del cosiddetto Granchietto Pugilatore. Si tratta di un bellissimo crostaceo tropicale del genere Lybia, il quale ha un sistema unico per catturare il cibo di cui si nutre. Sul primo paia di arti anteriori, opportunamente modificati, egli trasporta due piccole attinie, agitandole come scope mentre se ne va a spasso per il fondale. I detriti e i microrganismi che aderiscono sono da lui rimossi e mangiati. Il bello è che, se viene disturbato (e abbiamo  potuto  constatarlo   di   persona mentre cercavamo di fotografarlo sui fondali di Asdu), egli usa le attinie come guantoni da boxe per scacciare l'intruso.

Ma senza dubbio l'esempio più noto di simbiosi   tipica  dei  fondali  corallini     è quello dei  Pesci  Pagliaccio  (Amphiprion

 

percula). Si conoscono ben 27 specie di pagliaccio che vivono in associazione con 13 specie diverse di attinie. Solo recentemente si è scoperto a cosa fosse dovuta l'immunità di cui i pagliacci godono tra i tentacoli delle attinie che li ospitano. A proteggerli è il muco della stessa attinia, che evita alle cellule urticanti di scaricarsi sui loro corpi; muco di cui, con ripetuti sfregamenti tra i tentacoli dell'attinia, accuratamente i pagliacci si ricoprono. Un'immunità che tuttavia non è perenne, ma va periodicamente rinnovata; e che, se il pagliaccio rimane lontano dall'attinia alcune ore, viene persa totalmente, lasciandolo in balia di eventuali predatori. In cambio della protezione offertagli dall'attinia, il pagliaccio ripulisce l'ospite delle parti di tessuto necrotico, dei possibili parassiti, del muco eccedente e dei rifiuti vari. Ma secondo alcuni osservatori, e noi siamo tra questi, porta anche particelle di cibo all'attinia, depositandole tra i tentacoli dell'anemone. Abitualmente su un'attinia vive solo una coppia di pagliaccio adulti di una data specie; ma possono essere presenti anche più specie sulla stessa attinia. La femmina deposita da 200 a 300 uova, ma è il maschio, dopo averle fertilizzate, a curarle, rimuovendo quelle andate a male, facendo circolare l'acqua intorno ad esse, e prendendole addirittura ogni tanto in bocca per cospargerle di muco ed immunizzarle nei confronti dell'attinia. Una settimana dopo c'è la schiusa: le larve spendono  due  settimane nel  plancton   e  quindi comin-ciano a cercare un'attinia che li ospiti. Se l'attinia  prescelta  risulta  già occupata  da

 


Sopra a sinistra, il
 
Dascyllus trimaculatus, che si cosparge di muco per trovare protezione fra le attinie, è un esempio di inquilinismo.
In alto e in basso, il
Periclimenes brevicarpalis, un piccolo crostaceo abbastanza raro e particolarmente
difficile da fotografare, che vive fra le attinie per motivi di commensalismo.

altri pagliaccio adulti, di solito i piccoli vanno via, a meno che questa sia suf-ficientemente grande da potere ospitare tutti. In questo caso succede una cosa straordinaria: col passare del tempo i giovani nuovi arrivati non aumentano di statura, ma restano sempre di taglia piccola rispetto agli adulti già prima insediate sull'attinia.  E  solo in caso di morte di questi ultimi riprendono regolarmente a crescere: un ingegnoso meccanismo di madre natura per pre-venire il sovrasfruttamento dell'attinia o-spite, ma avendo assicurato al tempo stesso la sopravvivenza della specie simbionte.

 
   torna alla "Homepage"

al successivo articolo della serie

torna a " fotogiornalismo "

copyright Guido Picchetti - 26/3/2009