da "IL SUBACQUEO" - Maggio '82 / Gennaio '83

NB. - Si tratta di una operazione commerciale promossa dalla Mares e dalla rivista "Il Subacqueo",
rivista con la quale ho avuto la fortuna di collaborare per oltre 20 anni, fin dalla sua nascita. L'operazione prevedeva
la stampa su grande formato di otto miei fotocolor, da offrire mensilmente in omaggio ai clienti dei negozianti di articoli subacquei.
Dopo una prima presentazione dell'iniziativa curata della redazione della rivista, e integralmente riportata nella prima di questa serie
di pagine web, nei mesi successivi, in coincidenza con la distribuzione degli altri sette poster, mi fu chiesto di effettuare
di volta in volta una descrizione tecnica delle immagini prescelte per la collezione Mares,
descrizioni  qui riportate insieme alle immagini dei vari poster.

 

 

 

L'immagine del 3° poster della «Collezione Mares»

 

TANTI PICCOLI FIORI GIALLI

 


Ancora una specie mediterranea è lo splendido organismo marino che figura rappresentato nel terzo poster della collezione Mares in distribuzione questo mese di luglio agli amici subacquei muniti dell'apposito tesserino, presso i loro negozianti di fiducia. Si tratta di un organismo dal nome piuttosto lungo e difficile: «Parazoanthus axinellae». Nel philum dei Celenterati appartiene alla classe degli Antozoi, parola composta derivante dal greco che significa «fiori-animali». E simili a piccoli fiori gialli sono appunto gli innumerevoli polipi di questa specie animale marina coloniale, che in certe zone sommerse del nostro Mediterraneo arriva a tappezzare intere pareti rocciose, arricchendole incredi-bilmente di vita e colore, come possiamo vedere nella foto d'insieme qui in alto, scattata, come la foto del poster, nei ricchi fondali della Penisola Sorrentina.

In verità il nome scientifico del «Parazoanthus axinellae» deriva da una forma che questo organismo marino assume a volte in taluni ambienti più profondi, insediandosi anziché sulla roccia, su certe spugne arborescenti del genere «axinella», anch'esse colorate prevalentemente di giallo-arancio. E questa una forma di associazione biologica alquanto singolare, che se da un lato stupisce l'osservatore subacqueo comune che vede, incontrandola, «fiorire» una spugna, dall'altro non poteva mancare di interessare gli studiosi al punto di ricordarla nel nome scientifico attribuito alla specie. Ma certamente la forma di Parazoanthus più comune e più nota ai subacquei è quella che ritroviamo qui fotografata e che la vede appunto, sotto i mille polipi della colonia, incrostare la roccia con il tessuto molle e carnoso del suo corpo, completamente privo di uno scheletro calcareo interno. I polipi del «Parazoanthus axinellae», quando sono in piena  estensione,  raggiungono  una  lun-

m

ghezza media di due centimetri e oltre. I tentacoli, lisci e sottili, sono disposti intorno al calice in un solo giro. Ogni polipo dispone di una trentina di tentacoli circa, dotati di forte contrattibilità. Ma con un po' di attenzione non è difficile riprenderli fotograficamente in bella estensione. Con la Nikonos tuttavia occorre essere muniti di un'attrezzatura adatta ad evidenziarli, vale a dire di un anello estensore o di una buona lente addizionale. Nella foto del poster, in particolare, è stato utilizzato un anello estensore 1:2 con obiettivo 35 mm Nikonos. L'illuminazione è stata fornita da due flash elettronici Metz 302 in custodia «Imasub», il primo collegato naturalmente alla fotocamera e il secondo in funzione di

m

servoflash  comandato dal primo.  La pelli-cola usata era una Ectachrome 64 ASA; il tempo 1/60 e il diaframma 16. Il «Parazoanthus axinellae» è un organismo marino che riveste un buon interesse per il subacqueo appassionato di acqua-riologia mediterranea. In vasca le colonie di Parazoanthus possono infatti rappre-sentare uno degli elementi più spet-tacolari. Occorre però stare attenti nella fase di ricerca subacquea, raccogliendo i gruppi di polipi completi del frammento di roccia sul quale risultano attaccati. E particolare cura si dovrà porre anche all'alimentazione in cattività, se vogliamo che vivano a lungo allietandoci con le loro forme e con il loro colore.

 

copyright Guido Picchetti - 24/4/2009

al quarto poster della collezione Mares

torna a " fotogiornalismo "