da "ACQUARIO" / dal 1981 al 1983

NB. - Si tratta di una serie di 31 schede pubblicate sulla rivista "ACQUARIO" tra il  1981 e il 1984,  su altrettanti
organismi marini sia mediterranei che tropicali, ripresi nel loro ambiente naturale, sistematicamente inquadrati, e presentati
 valutandone una loro possibile ambientazione in acquario. Ripubblichiamo separatamente e integralmente le prime 7 schede,
mentre delle altre riportiamo in un unica pagina web l'immagine della scheda con il nome dell'organismo rappresentato
 

 


FLABELLINA AFFINIS

di Guido Picchetti

TIpo: Mollusca
Classe: Gasteropoda
Sub Classe: Opistobranchia
Ordine: Nudibranchia
Sub Ordine: Aeolidiacea
Famiglia: Flabellinidae
Specie: 
Flabellina affinis (Gmelin)

6

Le Flabelline sono dei piccoli molluschi nudibranchi molto comuni sui fondali rocciosi mediterranei, tra i dieci e i venti metri di profonditÓ. Sono animaletti facili da notare sul fondo per la vivissima colorazione violetta che contraddistingue la specie. Nelle numerose appendici dorsali, anch'esse viola con la punta bianca, si notano i diverticoli intestinali in cui vengono convogliate a scopo difensivo, senza essere digerite, le capsule urticanti dei polipi di idroidi che costituiscono il loro alimento essenziale. Per questa ragione si rinvengono solitamente a gruppi sui ciuffi di idroidi ondeggianti alla corrente. Qui trascorrono la maggior parte della loro esistenza, fecondandosi reciprocamente al momento della riproduzione e depositando le uova, che resteranno attaccate agli steli della colonia di Celenterati sotto forma di lunghi filamenti color viola chiaro. Purtroppo queste abitudini di vita piuttosto esclusive rendono molto difficile una buona sopravvivenza in acquario delle Flabelline; anche se immesse in vasca con la colonia di idroidi su cui sono state rinvenute, esse tenderanno rapidamente a deperire insieme ai Celenterati di cui si cibano, incapaci a loro volta di trovare nell'acquario giuste condizioni di vita.

 

   copyright Guido Picchetti

al successivo articolo della serie

torna a " fotogiornalismo "