da "ACQUARIO" / dal 1981 al 1983

NB. - Si tratta di una serie di 31 schede pubblicate sulla rivista "ACQUARIO" tra il  1981 e il 1984,  su altrettanti
organismi marini sia mediterranei che tropicali, ripresi nel loro ambiente naturale, sistematicamente inquadrati, e presentati
 valutandone una loro possibile ambientazione in acquario. Ripubblichiamo separatamente e integralmente le prime 7 schede,
mentre delle altre riportiamo in un unica pagina web l'immagine della scheda con il nome dell'organismo rappresentato
 

 


HERVIA COSTAI

di Guido Picchetti

TIpo: Mollusca
Classe: Gastropoda
Sub Classe: Opistobranchia
Ordine: Nudibranchia
Sub Ordine: Aeolidiacea
Famiglia: Aeolidiidae
Specie: Hervia costai (Haefelfinger)

3

E' uno dei cosiddetti molluschi nudibranchi che è possibile rinvenire sui fondali rocciosi mediterranei anche a pochi metri profondità. Questa specie in particolare è facilmente riconoscibile per le due macchie arancio sulla nuca e per la prima coppia di tentacoli lisci di identica colorazione alle estremità. Gli Eolididi sono animaletti generalmente molto appariscenti a dispetto delle limitate dimensioni, due tre centimetri al massimo. Vivono abitualmente sulle colonie di Idroidi, dei cui polipi si cibano, riuscendo a convogliare intatte nelle loro numerose appendici dorsali le cellule urticanti di cui sono abbondantemente muniti i piccoli organismi coloniali da essi ingeriti. Questa particolare abitudine alimentare, se da una lato assicura agli Eolididi una facile sopravvivenza nel loro ambiente marino, rendendoli indigesti a qualunque predatore che prontamente li risputerà in caso di una Involontaria ingestione, dall'altro rende oltremodo problematica una loro ambientazione in acquario, a causa della difficoltà di assicurare la sopravvivenza delle colonie dei minuti organismi che costituiscono il loro abituale ed esclusivo alimento.

 

   copyright Guido Picchetti

al successivo articolo della serie

torna a " fotogiornalismo "