itaflag.gif (140 byte)  engflag.gif (257 byte)
Home

Il progetto
del Parco


Il Comitato
Pro Parco

Riunioni 1999
Riunioni 2000
Riunioni 2001
Riunioni 2002
Riunioni 2003
Riunioni 2004

 

La 6°Assemblea Generale dei Soci del Comitato Pro Parco
Marino di Pantelleria (1° parte)

Il giorno 24 Gennaio 2004, nei locali del Centro Culturale “Gianporcaro”, alle ore 16.45, ha inizio, in seconda convocazione, l’Assemblea Generale del Comitato Pro Parco Marino, regolarmente convocata per discutere e deliberare sul seguente Ordine del Giorno:

  • 1. Approvazione Odg e verifica dell’Assemblea

  • 2. Relazione del Segretario Generale

  • 3. Presentazione e approvazione del Bilancio Consuntivo 2003

  • 4. Dimissioni del Direttivo

  • 5. Elezioni del nuovo Direttivo oppure convocazione Assemblea
    Straordinaria per lo scioglimento del Comitato

  • 6. Varie e eventuali

Sono presenti i soci Giovanni Bonomo, Franco Ciriminna, Tania Ganci, Roberto Greco, Francesco La Francesca, Mariella Morselli, Walter Pane, Franco Pavia, Guido Picchetti e Gianfranco Sborgia.
Sono rappresentati per delega: Ferdinando Cionti e Maria Ghelia (entrambi da Mariella Morselli), e Giustino Piazza (da Franco Pavia).

Presiede la riunione il membro del direttivo Francesco Pavia.

1. Approvazione Odg e verifica dell’Assemblea
Approvato l’Odg proposto dal Direttivo, viene accertata la validità dell’Assemblea a norma di Statuto, dallo stesso essendone prevista la validità in seconda convocazione qualunque sia il numero di Soci presenti. Allo stato l’Assemblea risulta composta da 13 Soci, tutti con diritto di voto, stante la regolarità delle rispettive posizioni sociali. Viene quindi data lettura della lettera inviata dal Presidente dimissionario Giustino Piazza, nella quale egli, ribadendo la propria volontà di dimettersi da presidente, si scusa di non poter partecipare alla riunione per gravi motivi di salute. La lettera del presidente viene messa agli atti e allegata al presente verbale, mentre l’Assemblea rivolge all’avv. Piazza un augurio di pronta guarigione.

2. Relazione del Segretario Generale
Il Segretario del Comitato, Guido Picchetti, espone la sua relazione (che viene allegata al presente verbale), illustrando l’attività svolta nel corso dell’ultimo anno dal Direttivo uscente, grazie all’impegno dei suoi vari componenti, con particolare riferimento ai seguenti punti:

  • La verifica e l’aggiornamento del corpo sociale del Comitato, che comprende alla data attuale 36 Soci Fondatori , 32 Soci Aderenti e 2 Soci Benemeriti (Franco Battiato e Brian Davis);

  • L’aggiornamento del sito web del Comitato www.parcomarinopantelleria.it;

  • Le varie iniziative promosse o patrocinate nel 2003 dal Comitato Pro Parco, anche in collaborazione ad altre associazioni pantesche (Sezione Lega Navale, Associazione Amici di Pantelleria, Associazione Armatori di Pantelleria, Coordinamento Territoriale Marevivo-Divisione Sub, Centro Culturale “V.Giamporcaro”, etc.);.

  • L’attività svolta, in particolar modo dal presidente uscente Giustino Piazza (cui esprime tutta la sua solidarietà), per sollecitare l’istituzione dell’Area marina Protetta di Pantelleria;

  • La regolarizzazione della situazione economica del Comitato.

La relazione del Segretario si chiude con un invito all’Assemblea a decidere se, anche in considerazione dei recenti finanziamenti concessi dal Ministero dell’Ambiente al Comune per concretizzare l’istituzione dell’Area marina Protetta di Pantelleria, il Comitato deve considerare raggiunto il suo obiettivo primario e, avendo esaurito il suo compito, sciogliersi, come anche alcuni soci in buona fede sembrano ritenere, o continuare ad esistere, per sostenere l’iniziativa, esercitando un’azione di stimolo e di sorveglianza per una realizzazione e una funzionalità ottimali dell’AMP.

Alla relazione del Segretario segue un animato dibattito con l’intervento di gran parte di numerosi soci presenti.

Interviene Walter Pane, che afferma che ha senso che il Comitato continui ad esistere solo se l’associazione marcia di comune accordo con l’amministrazione locale, ora rappresentata dai Commissari. Aggiunge che riconosce di avere sbagliato, un anno e mezzo fa, nel non avere ricercato, dopo il tentativo con Mimmo Ganci, una persona pantesca che potesse svolgere le funzioni di presidente dell’associazione e che fosse capace di portare avanti, con rappresentatività, i rapporti con il Comune.

Interviene Francesco La Francesca, che, come elemento di raccordo tra il primo e il secondo direttivo, avendo fatto parte di entrambi, ricorda i malesseri interni all’associazione nel novembre 2002: dopo essersi dimesso, avvicinato dal neopresidente Piazza, trovando valido il suo programma di azioni per sanare le difficoltà, aveva accettato di entrare a far parte del nuovo direttivo. Giudica la lettera di Piazza fondamentalmente giusta nel senso che evidenziava il disagio dell’Associazione riguardo al Comune, ma la ritiene sbagliata per le accuse verso persone che comunque lavorano;. A suo giudizio il presidente Piazza non poteva firmare a nome dell’Associazione una lettera con quei toni e con delle pesanti accuse personali a Di Marzo, Belvisi e Cantone, il cui lavoro per l’associazione è stato sempre valido.Biasima che diatribe interne siano finite ad un giornalista e al prefetto.
Aggiunge, riguardo alla documentazione del 2002, di cui Guido lamentava la mancanza, che essa era stata consegnata al neopresidente.
Riguardo al promesso contributo del Comune per Bianchi a Roma, afferma che non gli risulta che ci sia stata alcuna richiesta scritta al Comune, quando sarebbe stato sufficiente telefonare ed esplicitare una domanda scritta al Comune.
Sull’incarico da parte del Comune ad Angelo Cantoni, puntualizza che si tratta di un incarico ad un burocrate e non ad uno scienziato, e che le perplessità si potevano chiarire direttamente, attraverso un intervento del presidente in Comune.
Lamenta che si dica che il finanziamento ottenuto dal Comune per la struttura sia uno spreco, quando quel contributo dello Stato è vincolato a realizzare strutture e non può essere impiegato per gli studi nell’area marina protetta;essendo l’isola di Pantelleria stata inserita solo in extremis nel decreto per le infrastrutture.
Infine, afferma che l’Associazione deve continuare ad esistere, con un direttivo che sappia interloquire con il Comune, e non produca critiche gratuite pur se giustificate.

Interviene Roberto Greco, per dire che è necessario ricercare il dialogo e che l’Associazione non si deve sciogliere.

Interviene Gianfranco Sborgia che invita a superare gli equivoci del passato e a considerare che nella vita di un Comitato si può anche sbagliare; ma ora si cerchi di andare avanti, aprendosi a nuovi soci e a collaborazioni con altri sodalizi, come “Gli Amici di Pantelleria” e i Circoli.

Walter Pane
interviene ancora dicendo che accoglie volentieri le voci dei soci che non vogliono che il Comitato si sciolga ed aggiunge che non ricerca occasioni per polemizzare, ma solo per chiarire.

Franco Ciriminna
dice che occorre che l’Associazione riacquisti credibilità partendo dal decreto di finanziamento della struttura per l’AMP, valorizzando al massimo il risultato ottenuto, e cominciando a lavorare, aiutando a fare i progetti, a muovere le cose.

Guido Picchetti
invita a dichiarare subito se si è disponibili a far parte del direttivo; conferma al tempo stesso la sua volontà di dimettersi, ma al tempo stesso assicura la sua disponibilità a collaborare, da ottavo, con il nuovo direttivo.

Franco Ciriminna
risponde di essere, nei limiti delle sue possibilità, disponibile a far parte del direttivo.

Interviene Giovanni Bonomo che afferma che, pur volendo rifiutare lo scontro, è legittimo cercare di difendersi dall’arroganza di funzionari che violano la dignità di una persona. Aggiunge che il Comitato deve fare il suo gioco, deve intervenire, ma deve avere una sua efficienza, con persone che si impegnino; non si può lasciare Guido da solo, se qualcuno deve affiggere i manifesti lo deve fare, vanno evitati i flop.

Gianfranco Sborgia
invoca la praticità e l’esigenza di dare risposte ai cittadini, seccati dalle diatribe interne all’Associazione. Afferma che il sistema migliore è quello di ricomporre il direttivo partendo da Guido e Walter, punti cardine, in una nuova riunione.

Sulla proposta intervengono Picchetti, Bonomo, Greco e La Francesca.

Picchetti
propone una mozione d’ordine: chiudere la trattazione del punto 2 dell’Odg – il dibattito sulla sua relazione – prima di trattare altri argomenti previsti nei successivi punti dello stesso OdG. La proposta viene accolta all’unanimità.

Sulla relazione interviene ancora Francesco Pavia per dichiarare che approva il contenuto della relazione ed esprime gratitudine per il buon lavoro condotto dal Segretario e dal Presidente.

A chiusura del dibattito Picchetti risponde su alcuni temi, sollevati dai vari interventi:

  • testimonia che, prima che Franco Bianchi andasse a Roma per prestare la sua consulenza, aveva interloquito più volte con Salvatore Belvisi, incaricato dal Commissario Vasquez di occuparsi della questione, il quale aveva assicurato l’invio di un fax di conferma della riunione presso il Ministero e della richiesta di presenza del prof. Bianchi, fax mai ricevuto;

  • rilegge i punti salienti della riunione svoltasi successivamente in Comune il 18 Luglio 2003 con la partecipazione, oltre quelle del prof. Vincenzo Di Martino e sua in rappresentanza del Comitato, di rappresentanti del Comune, della Provincia e di varie associazioni ambientalistiche a livello regionale. Riunione durante la quale era stato stilato su sua richiesta un calendario di scadenze delle varie tappe previste per arrivare all’istituzione dell’AMP di Pantelleria;

  • afferma, rispondendo ad una diretta domanda di Walter Pane, di aver avuto un’impressione favorevole dei commissari, ma purtroppo non troppo del funzionario del Comune; aggiunge di ritenere che forse in quella riunione alcune sue richieste e prese di posizione siano risultate poco gradite; ed è questa probabilmente la ragione che successivamente non c’è stata più nessuna comunicazione ufficiale del Comune verso l’Associazione.

3. Presentazione e approvazione del Bilancio Consuntivo 2003
Viene approvato all’unanimità il bilancio del Comitato riferito all’anno 2003 distrinbuito in copia ai Soci intervenuti e riportato in allegato al presente verbale.

4. Dimissioni del Direttivo
Sborgia ripropone la sua proposta di congelare l’attuale direttivo perché una prossima assemblea possa meglio trovare le condizioni per eleggere un nuovo Consiglio Direttivo.
Pane dice d’essere d’accordo.

Picchetti
propone di non indire una nuova assemblea ma di aggiornare i lavori di questa a partire dal punto 4 ed omettendo dal punto 5 lo scioglimento del Comitato, dal momento che già in questa seduta si è evidenziata la volontà ad andare avanti.

La proposta di Picchetti viene accolta all’unanimità.

Sborgia
afferma che il nuovo presidente dovrebbe essere un pantesco, il quale si cerca la squadra – il direttivo – da proporre al voto dell’assemblea.

Bonomo
dissente, dichiarando che ogni socio può diventare presidente.

Picchetti auspica che le tutte persone da eleggere, ad esclusione al più del presidente del comitato scientifico, intervengano all’assemblea in modo da poter dichiarare di persona la propria disponibilità nell’eventuale incarico. Aggiunge di ritenere che le quote 2004 possano essere versate dopo la conclusione della prossima riunione e l’elezione del nuovo direttivo, riunione alla quale potranno partecipare tutti i soci in regola con le quote associative fino al 2003.

All’unanimità, si decide che i lavori di questa assemblea vengano aggiornati al 28 febbraio, ore 16.30, presso il Centro Culturale “Giamporcaro”, così come proposto da Picchetti, il quale, svolgendo le funzioni di Segretario, curerà la diffusione del presente verbale ai soci e dell’invito a partecipare alla riunione del 28 febbraio. I lavori riprenderanno nella data, nella sede e all’ora fissata con le votazioni previste al punto 5. dell’Odg approvato, dando tuttavia per respinta l’eventualità della convocazione di un Assemblea Straordinaria per lo scioglimento del Comitato indicata allo stesso punto dell’OdG.

I lavori hanno termine alle ore 18.30.

Allegati al presente verbale:
a) la lettera ai Soci del presidente uscente Giustino Piazza
b) la relazione del Segretario Generale
c) il rendiconto economico relativo al 2003

 del che è verbale

f.to il Presidente dell’Assemblea Franco Pavia            i

Pantelleria, 24/1/04.

copyright: Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria
c/o Ass. Tur. Pro-Loco di Pantelleria - P/za Cavour - cap. 91017 (TP)

webmaster: Guido Picchetti - Aggiornato il 29/01/2004