itaflag.gif (140 byte)  engflag.gif (257 byte)

Home
Su

Il progetto
del Parco


Il Comitato
Pro Parco

Riunioni 1999
Riunioni 2000
Riunioni 2001
Riunioni 2002
Riunioni 2003
 

 

Questa pagina contiene i resoconti e i verbali delle riunioni più importanti (Assemblee Generali, Consigli Direttivi, incontri ufficiali) svoltesi nell'ambito delle attività del Comitato Pro-Parco Marino di Pantelleria, nel 1999 a partire dalla sua fondazione.

Dall'elenco dei vari avvenimenti, in ordine temporale qui di seguito riportato,   cliccando su ciascuno di essi è possibile raggiungere  direttamente l'inizio del relativo verbale.

Assemblea Generale del 14/06/99

Riunione del Direttivo del 30/08/99

Incontro con pescatori e barcaioli del 25/09/99

Riunione del Direttivo e del Comitato Scientifico del 7/10/99

Assemblea Generale del 7/10/99

Verbale Assemblea Generale del 7 Ottobre 1999

Il 7 Ottobre 1999, con inizio dei lavori alle ore 17,30 in seconda convocazione, si è tenuta nella sala consiliare del Comune di Pantelleria, l’Assemblea Ordinaria dei Soci del Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria per deliberare sul seguente Ordine del Giorno:

  • Presentazione versione definitiva Statuto del Comitato (registrato il 24/8/99 con atto notarile)

  • Dimissioni e rielezione del Consiglio Direttivo

  • Presentazione e approvazione primo Bilancio Preventivo 

  • Presentazione programma prossime iniziative del Comitato

  • Presentazione del Comitato Scientifico del Comitato

  • Proposte e suggerimenti dei Soci per attività Comitato 

  • Varie e eventuali

Alla verifica dell’Assemblea, dei 53 Soci Fondatori più 2 Soci aderenti che attualmente formano i quadri sociali del Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria e che a norma di statuto hanno diritto di voto in A.G., risultano presenti 26 Soci di cui 6 per delega. I 20 soci presenti di persona sono: Giacomo BILLARDELLO, Giovanni BUSETTA, Salvatore CARAVELLO, Marco CHIOFFI, Vincenzo DI MARTINO, Alberto DI MARZO, Piero FERRANDES, Domenico GANCI, Gaetana GANCI, Maria GHELIA, Francesco LA FRANCESCA, Mariella MORSELLI, Walter PANE, Guido PICCHETTI, Franco MATTEO, Antonio FUMAROLA, Alfonso FUMAROLA, Michele SALERNO, Paolo FORMENTINI, Fabio CHIOLO. I 6 soci presenti per delega sono: Silvia ANGELINI, Gabriella GIUNTOLI e Sebastiano TUSA con delega a Walter Pane, Ferdinando CIONTI con delega a Guido Picchetti, Rosario DI FRESCO con delega a Piero Ferrandes, e Alessandra MONTESI con delega a Mimmo Ganci. I lavori assembleari sono presieduti dal presidente in carica Alberto Di Marzo, assistito dal segretario Mariella Morselli incaricato di redigere il verbale.

Viene presentata e distribuita ai soci presenti la versione definitiva dello Statuto del Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria, così come registrato il 24/8/99 presso lo studio notarile (raccolta n° 6442) del Dr. Sergio Bandini in Pantelleria. Rispetto allo statuto presentato e approvato nella precedente A.G. del 14/6/99 l’attuale versione presenta non poche variazioni, resesi assolutamente necessarie al fine di poter far figurare a norma di legge e a tutti gli effetti il nostro Comitato tra le associazioni definite ONLUS (organizzazioni non lucrative di utilità sociale).

In considerazione delle variazioni apportate al precedente statuto il Consiglio Direttivo già eletto nella precedente A.G. ritiene sia doveroso rassegnare le dimissioni e che sia effettuata una nuova elezione stante il nuovo vigente statuto. Per comune decisione dell’Assemblea la nuova elezione del Consiglio Direttivo viene effettuata per alzata di mano, e all’unanimità sono rieletti tutti i membri del precedente Consiglio. Il Consiglio Direttivo del Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria a risulta pertanto ancora così composto: Presidente Alberto DI MARZO, Segretario Generale Walter PANE, Presidente del Comitato Scientifico Guido PICCHETTI, consiglieri Giacomo BILLARDELLO, Francesco LA FRANCESCA, Piero FERRANDES e Domenico GANCI.

Viene distribuito ai presenti il Bilancio Preventivo per l’esercizio 1999/2000, predisposto a norma di statuto dal C.D. Esso prevede:

A) ENTRATE

1

Quote Soci Fondatori (53 x 100.000)

5.300.000

2

Quote Soci Aderenti (17 x 100.000)

1.700.000

totale

7.000.000

B) USCITE

1

Registrazione notarile statuto

800.000

2

Acquisto telefono cellulare

600.000

3

Bacheca esterno sede sociale

200.000

4

Informatica e cancelleria

1.000.000

5

Materiali promozionali e tipografici

500.000

6

Spese postelegrafoniche

300.000

7

Per incontri e convegni di studio 

3.000.000

8

Varie e eventuali

600.000

totale

7.000.000

L’approvazione è fatta per alzata di mano e risulta essere unanime.

Viene quindi fatta la presentazione del dr. Vincenzo Di Martino dell’Università di Catania, Socio Fondatore nonchè qualificato membro del Comitato Scientifico, che illustra le iniziative appunto avviate dal Comitato Scientifico, spiegando brevemente i lavori che lo stesso C.S. ha svolto durante la mattinata. Per ovviare all’assoluta mancanza di dati scientifici relativi ai fondali dell’isola di Pantelleria, è stata prevista la creazione di un gruppo di studio per la mappatura e lo studio interdisciplinare dei fondali. Tale gruppo, formato da esperti soci e non soci del Comitato, dovrebbe operare per circa due mesi, e precisamente nei periodi di Maggio-Giugno e Ottobre-Novembre del prossimo anno. Tale gruppo sarà coordinato e diretto dal dr. Di Martino dell’Università di Catania per la parte biologica, dal prof. Paolo Colantoni dell’Università di Bologna per quella geologica e dal dr. Sebastiano Tusa della Sovrintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Trapani per quella archeologica. Si tratta di una campagna di studi premessa indispensabile ad ogni ulteriore studio di fattibilità del Parco Marino di Pantelleria.

Picchetti, nella sua qualità di presidente-coordinatore del Comitato Scientifico, passa quindi a presentare i vari membri del Comitato Scientifico, formalizzato nella sua composizione durante l’ultima riunione del Direttivo svoltasi in mattinata in occasione della prima riunione di lavoro che lo stesso Comitato Scientifico ha tenuto a Pantelleria. A proposito dei lavori di tale comitato il presidente Alberto di Marzo interviene anche nella sua veste di Sindaco di Pantelleria rilevando la notevole l’importanza che riveste la salvaguardia ambientale per l’isola, una salvaguardia che si tradurrà inevitabilmente in un ritorno economico, nel caso specifico, dal punto di vista turistico, ed invita pertanto tutta la popolazione a collaborare.

Interviene il Socio Fondatore Fabio Chiolo il quale, a proposito dell’incontro promosso dai responsabili del Comitato Pro Parco il 25/09 tenutosi con barcaioli e pescatori per illustrare finalità e caratteristiche del Parco Marino di Pantelleria così come proposto dal Comitato, a nome delle imprese di barcaioli che come lui effettuano i giri turistici dell’isola, presenta per la zona "A" di tutela integrale una relazione con due proposte alternative, che prevedono per tale zona delle fasce costiere di mare più spostate a levante, la prima delle quali compresa tra P.ta del Cortigliolo e P.ta del Duce. Nel suo intervento Chiolo fa anche presente per le riunioni indette dal Comitato la necessità di strutture e sedi adatte anche ai portatori di handicap.

Il Sindaco offre la possibilità di formulare proposte anche ai non soci, rilevando che la presente assemblea è un’assemblea aperta. Da alcuni dei presenti viene quindi richiesta la distribuzione di opuscoli relativi al Parco Marino per tutta l’isola, e la possibilità di convocare riunioni nelle altre contrade, in modo che tutta la popolazione sia direttamente informata dell’iniziativa in corso. Un pescatore non socio, Casano, si lamenta della scelta della zona da interdire alla pesca con lo strascico (da lui abitualmente esercitata), in quanto afferma che in questo modo egli sarebbe notevolmente penalizzato dall’iniziativa del Parco così come è stata avviata. Risponde Picchetti che la scelta delle varie zone e dei vincoli ad esse collegati non è definitiva, ma serve ad avviare l’iter burocratico per arrivare ad una soluzione valida ed efficace del problema, che risulti soprattutto gradita alla stragrande maggioranza degli interessati al problema della tutela ambientale dei fondali di Pantelleria, interessati senza il cui accordo nessuna iniziativa di salvaguardia e di rispetto dei vincoli potrà essere garantita, stante le caratteristiche stesse dell’isola che non facilita i compiti di sorveglianza specie in certi periodi dell’anno. Qualunque suggerimento e nuova proposta presentata da soci e non soci risulterà pertanto gradita. Esse saranno attentamente vagliate dal Comitato Scientifico dell’associazione Pro Parco e quindi sottoposte all’Icram che è l’ente preposto ad avere ultima voce in capitolo.

Alle 19,30 la riunione è sciolta. Del che è verbale. F.to per il Presidente, il Segretario Generale Walter Pane.

Verbale riunione Consiglio Direttivo del 7 Ottobre 1999 in occasione della prima riunione dei componenti il Comitato Scientifico

La riunione ha avuto luogo presso l’Hotel Cossyra di Pantelleria con inizio alle ore 10,30 del 7/10/99. Questo l’Ordine del Giorno proposto e approvato dagli intervenuti per i lavori in comune: Benvenuto del CD del CPPMP ai membri invitati presenti del Comitato Scientifico - Approvazione nuovi Soci Aderenti del Comitato - Ufficializzazione composizione del Comitato Scientifico -  Presentazione al Comitato Scientifico dei risultati del 1° Incontro con pescatori e barcaioli di Pantelleria svoltosi il 25/9/99 - Situazione e consistenza sociale del Comitato Pro Parco - Prossime iniziative da realizzare e sull’iter da seguire per il raggiungimento dei fini istitutari - Eventuale adesione alla Federazione Italiana Parchi e Riserve - Varie ed eventuali - Data prossima riunione del Comitato Scientifico.

Sono presenti per il Comitato Scientifico i Soci Vincenzo Di Martino, Alfonso Fumarola, Marco Chioffi, Maria Ghelia, e Mariella Morselli. Per il Consiglio Direttivo Giacomo Billardello, Mimmo Ganci, Walter Pane, Guido Picchetti e Piero Ferrandes, gli ultimi due nella doppia veste di membri del C.S. e del C.D. Passando all’esame dei vari punti all’OdG:

Guido Picchetti, a nome del C.D., dopo il benvenuto ai membri presenti del Comitato Scientifico fa una breve presentazione degli altri numerosi membri di detto Comitato che, se pure assenti alla riunione in quanto impossibilitati ad intervenire per vari motivi, hanno aderito all’invito loro rivolto dal Direttivo, accettando di offrire alla realizzazione del Parco Marino di Pantelleria la propria specifica collaborazione legata alle rispettive competenze professionali. .Sono approvati due nuovi soci aderenti, e precisamente l’avv. Giustino Piazza per il Rotary Club di Palermo, presentato da Pane e Picchetti, e il dr. Alfonso Fumarola, medico naturalista, presentato da Picchetti e Ganci.

Viene quindi ufficializzata la composizione del Comitato Scientifico, che, presieduto da Guido Picchetti in veste di presidente-coordinatore secondo statuto, risulta composto da 18 membri di cui all’elenco che viene allegato al presente verbale, completo di recapiti e rispettive aree di interesse. Dalla lista in precedenza compilata viene depennata la dr. Giulia Mo, nonostante i ripetuti contatti già avuti e la proficua collaborazione con lei già avviata, non risultando ben chiara la sua posizione in seno all’ICRAM. Resta per altro ferma e assicurata la possibilità di una sua gradita reintegrazione. Su proposta di Picchetti viene approvata l’affidamento e la responsabilità dei tre settori fondamentali di ricerca legati alla realizzazione del Parco (biologia marina, geologia marina e archeologia subacquea) rispettivamente al Dr. Vincenzo De Martino, al Prof. Paolo Colantoni e al Prof. Sebastiano Tusa.

Viene distribuito a tutti i presenti il verbale dell’incontro con i pescatori e i barcaioli di Pantelleria promosso e realizzato dal Comitato Pro Parco il 25/ 09/99. Anche il verbale di detta riunione viene allegato al presente verbale. E’ reso noto e distribuito ai presenti l’albo aggiornato dei soci fondatori, che risultano a tutti gli effetti essere 53. Due invece risultano alla data odierna i soci aderenti.

Il dr. Di Martino, illustrando brevemente su richiesta dei presenti l’iter da seguire a suo giudizio per arrivare alla realizzazione del Parco Marino di Pantelleria, dichiara che, mancando assolutamente notizie di carattere scientifico sui fondali marini di Pantelleria, per prima cosa andrebbe realizzato uno studio sulle varie biocenosi. Si impegna a sondare la disponibilità degli enti competenti ad operare in tal senso (Università, Icram, etc), considerato che l’isola di Pantelleria già figura nell’elenco dei siti di reperimento delle aree protette marine a norma della legge 394/91. Il dr. Di Martino si impegna nel contempo a preparare un progetto di ricerca scientifica di carattere biologico da realizzare entro il prossimo anno possibilmente nei mesi di Maggio ed Ottobre. Sempre il dr. Di Martino contatterà il prof. Paolo Colantoni per gli studi inerenti la geologia dei fondali. Tutti i rilievi archeologici saranno invece sotto la diretta responsabilità del sovrintendente Sebastiano Tusa, che già da tempo sta operando fattivamente in tal senso. Una volta attuata la ricerca a mare, sarà poi compito dell’Icram valutare le possibili aree marine costiere che maggiormente rispondono alle caratteristiche richieste dalla realizzazione del Parco Marino, sia pure tenendo in debito conto quanto emergerà dalle proposte avanzate dal Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria e da altri eventuali soggetti locali interessati alla questione. Il tutto sarà quindi inviato dall’Icram alla Consulta del Mare (organo politico) per la risposta finale. Il dr. Di Martino, per quanto riguarda la ricerca di carattere biologico, presenterà anche una bozza riguardante il tempo occorrente, il personale necessario e le spese conseguenti. Da parte sua il C.D. si attiverà per ottenere eventuali contributi dal Comune. Al dr. Di Martino viene anche affidato l’incarico di valutare l’opportunità di un’eventuale adesione del Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria alla Federazione Italiana Parchi e Riserve in qualità di soci sostenitori; e anche il compito di mantenere gli opportuni contatti con il dr. Brian Davies, qualificato membro del nostro Comitato Scientifico, il quale, già nel confermare la sua disponibilità a far parte di detto Comitato, ha assicurato il suo fattivo interessamento insieme all’Icram per i finanziamenti necessari alla realizzazione del progetto del Parco Marino 

Si considera la possibilità di sistemare nella sede della Pro Loco di Pantelleria (sede legale di Comitato) un computer in grado di fornire tutte le notizie relative al progettato Parco Marino di Pantelleria, così che tutti cittadini e turisti possano prenderne visione. Sempre a tal fine è già in fase di costruzione, e quanto prima sarà sistemata all’esterno della sede, una bacheca in cui presentare comunicati e verbali relativi alle nostre iniziative. Viene confermata l’attivazione del cellulare GSM intestato al Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria, raggiungibile al numero 0349-6789793. Per quanto riguarda la pagina web, sul sito internet raggiungibile all’indirizzo <http://www.pantelleria.it> è già stata inserito uno spazio dedicato al parco marino gentilmente offerto dal server locale "meditel.it". Le pagine che illustreranno l’opera del nostro Comitato e le sue finalità sono in via di allestimento. 

La prossima riunione del Comitato Scientifico viene fissata in concomitanza con l’inizio delle campagne di ricerca, prevista per maggio-giugno prossimi. Nel frattempo sono e saranno sempre auspicabili eventuali contatti diretti tra i vari membri del Comitato Scientifico, e a tal fine viene allegato al presente verbale e inviato a ciascun membro l’elenco dei rispettivi recapiti.

Verbale incontro con pescatori e barcaioli del 25 Settembre 1999

Sabato 25 Settembre con inizio alle ore 18,00 si è svolto presso la sede del Circolo Columbus l’annunciato incontro di alcuni membri del Direttivo del Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria con i barcaioli e i pescatori dell’isola. Per il Direttivo del Comitato erano presenti il Segretario Generale Walter Pane il presidente del Comitato Scientifico Guido Picchetti e i consiglieri Giacomo Billardello, Mimmo Ganci e Piero Ferrandes. Presenti anche i soci del Comitato: Giuseppe Bernardo, Antonio Fumarola, Maria Ghelia, Mariella Morselli, Giustino Piazza, alcuni dei quali direttamente interessati al dibattito in qualità di pescatori sportivi residenti.

Da un primo riscontro diretto dei partecipanti all’incontro risulta che tra pescatori e barcaioli sono presenti 21 persone, qui di seguito elencate, con le rispettive esercitate attività: Leonardo MINARDI, rappresentante cooperativa barcaioli - Francesco CASANO, barcaiolo e pescatore professionista con lo strascico - Antonino CASANO, pescatore professionista con lo strascico - Giovanni SALERNO, pescatore professionista con lo strascico - Mario COSTA, pescatore professionista con reti da posta - Stefano GABRIELE, pescatore professionista con reti da posta - Salvatore GABRIELE, pescatore professionista con reti da posta - Salvatore ALMANZA, pescatore sportivo residente - Salvatore BELVISO, pescatore sportivo residente - Giuseppe BERNARDO, pescatore sportivo residente - Francesco BRIGNONE, pescatore sportivo residente - Giuseppe CAPUTO, pescatore sportivo residente - Francesco CUCCIARDI, pescatore sportivo residente - Giuseppe FERRANDES, pescatore sportivo residente - Antonio FUMAROLA, pescatore sportivo non residente - Angelo GABRIELE, pescatore sportivo residente - Luigi MARIANELLI, pescatore sportivo residente - Carmelo MONTELEONE, pescatore sportivo residente - Vito RODO, pescatore sportivo residente - Salvatore RODO, pescatore sportivo residente - Enzo SCHITO, pescatore sportivo residente

Il dibattito sulla zonazione del Parco Marino di Pantelleria proposta dal Comitato in alternativa al progetto presentato dieci anni or sono e attualmente giacente presso le autorità competenti è acceso. Può essere così riassunto. I pescatori professionisti con le strascicanti rilevano che la loro attività risulterebbe eccessivamente penalizzata dalla estensione della zona "B" e dai vincoli connessi, che prevedono tra gli altri appunto il divieto di esercitare lo strascico. E’ ciò nonostante il limite previsto per tale zona di appena 1 km dalla costa. Infatti i fondali meridionali dell’isola, dove essi nel periodo invernale al riparo dei venti settentrionali solitamente esercitano la loro attività di pesca (sempre oltre i 50m come previsto dalla legge), scendono in genere molto rapidamente verso il fondo, e il vincolo che li riguarda previsto per la zona "B" impedirebbe di fatto di poter esercitare la loro attività di pesca su gran parte dei versanti meridionali di Pantelleria. I barcaioli che solitamente effettuano i giri turistici intorno l’isola, direttamente o per bocca dei loro rappresentanti, obbiettano che la zona"A" così come proposta dal Comitato penalizza notevolmente la loro attività, dato che proprio nella baia del Faraglione della Ficara essi sono soliti effettuare una sosta con le loro imbarcazioni durante il giro al riparo dei venti e dell’eventuale maretta di maestrale che possono improvvisamente levarsi. Chiedono che venga riesaminata la zonazione e che venga esaminata la possibilità di spostare la zona "A" più verso il versante di levante, oltre Punta del Cortigliolo. 

Dopo un lungo e acceso dibattito di oltre due ore, in cui vengono ripetutamente spiegate le motivazioni che hanno portato al rinnovato attuale progetto del Parco, considerato che non tutti i presenti hanno preso parte alla discussione e che alcuni, pur seguendo con attenzione, non hanno avuto modo di esprimersi, Picchetti , suggerisce che venga effettuata una verifica di come ciascuno vede la proposta presentata dal Comitato, esprimendo un parere numerico sulla stessa mediante un numero da 1 a 5: 5 come massima adesione e 1 come disaccordo massimo. Questo il risultato della verifica effettuata sui 18 ancora presenti (si sono nel frattempo assentati Mario COSTA, Salvatore ALMANZA e Angelo GABRIELE): Leonardo MINARDI, rappresentante cooperativa barcaioli,  3 ; Francesco CASANO, barcaiolo e pescatore professionista con lo strascico, 5; Antonino CASANO, pescatore professionista con lo strascico, 1; Giovanni SALERNO,  pescatore professionista con lo strascico, 1;  Stefano GABRIELE, pescatore professionista con reti da posta, 5; Salvatore GABRIELE, pescatore professionista con reti da posta, 5; Salvatore BELVISO, pescatore sportivo residente, 4; Giuseppe BERNARDO, pescatore sportivo residente, 3; Francesco BRIGNONE, pescatore sportivo residente, 5; Giuseppe CAPUTO, pescatore sportivo residente, 1; Francesco CUCCIARDI, pescatore sportivo residente, 5;   Giuseppe FERRANDES, pescatore sportivo residente, 5; Antonio FUMAROLA, pescatore sportivo non residente, 5; Luigi MARIANELLI, pescatore sportivo residente, 5; Carmelo MONTELEONE, pescatore sportivo residente, 3; Vito RODO, pescatore sportivo residente, 5; Salvatore RODO, pescatore sportivo residente, 4; Enzo SCHITO, pescatore sportivo residente, 5.

Tirando le somme si rileva che dei tre pescatori professionisti con lo strascico presenti due sono decisamente contrari al progetto del parco così come proposto dal Comitato. I due pescatori professionisti con reti da posta sono invece totalmente d’accordo. Parzialmente d’accordo i due barcaioli, espressisi con un 3 e con un 5. Mentre tra i 12 pescatori sportivi, 7 sono totalmente d’accordo, e uno decisamente contrario. I restanti quattro si esprimono con due 3 e due 4. Il consigliere Billardello durante l’incontro coglie l’occasione per presentare la nuova legge emanata dal governo sulla cosiddetta "pescaturismo" che indubbiamente apre nuove e interessanti possibilità ai pescatori professionisti, sia pure nel limitato periodo di affluenza turistica tipico di Pantelleria.

Nota in calce alla riunione di Guido Picchetti:

Volendo prendere in debita considerazione i due rilievi alla zonazione del Parco proposta dal Comitato, emersi nell’incontro da parte dei barcaioli e dei pescatori con lo strascico di Pantelleria , ritengo sia possibile il seguente compromesso:

  • per quanto riguarda la richiesta dei pescatori a strascico avverso i vincoli della zona "B": consentire la pesca a strascico nella metà più distante dalla zona "A" di ciascuna delle due aree previste dalla zona "B" 

  • per quanto riguarda dei barcaioli dei giri turistici intorno all’isola avverso i divieti di ancoraggio previsti nella zona "A": consentire l’ancoraggio in Baia Salina (vale a dire tra Punta Kharace e Punta Salina) previa sistemazioni di apposite boe d’ormeggio, per evitare la cala di ancore e conseguenti danni al fondale. 

Verbale riunione del C.D. del 30 Agosto 1999

 Il Consiglio Direttivo del Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria si è riunito il 30 Agosto 1999 in seduta ordinaria. Erano presenti il Segretario Generale Walter Pane, il presidente del Comitato Scientifico Guido Picchetti, e i due consiglieri Mimmo Ganci e Francesco La Francesca. Assenti il Presidente Alberto Di Marzo, e i due consiglieri Giacomo Billardello e Pietro Ferrantes in quanto impegnati in una riunione comunale.

L’ODG proposto per la riunione, accettato dagli intervenuti, era il seguente:

1 – Relazione Segretario Generale su attività svolta e in programma - Registrazione Statuto - Situazione Soci Fondatori - Quote Soci Aderenti - Bilancio preventivo 1999-2000

2 - Comitato Scientifico: Nomina componenti C.S. tra i Soci - Nomina componenti C.S. non Soci e invito agli stessi - Contatti con Giulia Mo dell’Icram - Eventuale incontro del C.S.

3 – Realizzazioni in programma - Allestimento pagina web - Incontro con i pescatori e i barcaioli locali - Bacheca Comitato presso Sede Legale (Pro Loco) - Adesivi - Giro conoscitivo del CD sulle varie zone interessate dalla proposta del Parco - Varie e eventuali

4 – Prossima Assemblea Generale - Data svolgimento - Convocazione - ODG proposto per la prossima A.G.: Presentazione e distribuzione Statuto definitivo a Soci presenti - Dimissioni e rielezione C.D. - Presentazione e approvazione bilancio preventivo - Presentazione programma prossime iniziative del Comitato - Proposte e suggerimenti Soci per attività Comitato - Varie e eventuali 

5 – Varie e eventuali

Questo il resoconto dei lavori del C.D.:

Punto 1/a (Registrazione Statuto) - Il consigliere La Francesca presenta lo statuto ritirato dal notaio dr. Sergio Bandini dopo la registrazione avvenuta il 24 Agosto 1999 (raccolta n° 6442)

Punto 1/b (Situazione Soci Fondatori) - In seguito all’aggiornamento della lista dei Soci Fondatori con la formalizzazione delle ultime adesioni comunque confermate a norma di statuto entro il 31/7/99, questi ultimi risultano essere 54.

Punto 1/c (Quote Soci Aderenti) - La quota di adesione al Comitato per i Soci Aderenti resta fissata a L. 100.000 lire (come per i Soci Fondatori); quindi Picchetti distribuisce ai consiglieri presenti i moduli predisposti per formalizzare eventuali adesioni

Punto 1/d (Bilancio preventivo 1999-2000) - Viene predisposta una prima stesura del bilancio preventivo 1999-2000 del Comitato da sottoporre ad approvazione della prossima A.G.. Gli introiti vengono stimati intorno ai 7.000.000 sulla base dei 54 SF effettivi e di 17 presunti SA. Le spese saranno così suddivise:

1

Registrazione notarile statuto

800.000

2

Acquisto telefono cellulare

600.000

3

Bacheca esterno sede sociale

200.000

4

Informatica e cancelleria

1.000.000

5

Materiali promozionali e tipografici

500.000      

6

Spese postelegrafoniche

300.000

7

Per incontri e convegni di studio

3.000.000     

8

Varie e eventuali

600.000

totale

7.000.000

Punto 2 (Comitato Scientifico) - Su un totale di 21 componenti proposti in totale sono 11 i Soci Fondatori qualificati e disposti a far parte del Comitato Scientifico. Viene quindi predisposto l’elenco dei 10 componenti non soci a cui sarà inviata una lettera di invito a far parte del CS. Picchetti riferisce sui contatti avuti con la dr. Giulia Mo dell'Icram. La data di un primo incontro tra i membri del CS viene fissata nei giorni tra il 6 e l’8 ottobre prossimo.

Punto 3 (Realizzazioni in programma) - La pagina Web è stata offerta da Giacomo Patané (meditel it). Picchetti si impegna a sviluppare i contatti con Rosario di Fresco per la sua realizzazione. L’incontro con i pescatori e i barcaioli locali viene fissato per il 25 settembre presso il Comune. Si stabilisce l’acquisto di una bacheca di alluminio, da esporre presso la sede legale all’ingresso della Pro Loco. Ganci si interesserà a Trapani per la realizzazione degli adesivi del Parco. Il giro in barca dei membri del CD nelle zone interessate dalla proposta del parco è fissato per uno dei prossimi sabati, probabilmente usando una barca di Sancinelli. E’ presa senz’altro in considerazione la possibilità di coinvolgere le scuole dell’Isola circa la nascente realtà. Tuttavia sono ancora da stabilire le modalità d’attuazione.

Punto 4 (Prossima Assemblea Generale) - La prossima Assemblea Generale viene fissata per il giorno 7 ottobre alle ore 16 in prima convocazione, e alle ore 17 in seconda. Le lettere di convocazione ai soci saranno spedite entro il 12 settembre. Viene quindi approvato l’ODG proposto per la suddetta assemblea, che risulta pertanto il seguente:

  • Presentazione versione definitiva Statuto del Comitato (registrato il 24/8/99 con atto notarile)

  • Dimissioni e rielezione del Consiglio Direttivo

  • Presentazione e approvazione primo Bilancio Preventivo 

  • Presentazione programma prossime iniziative del Comitato

  • Presentazione del Comitato Scientifico del Comitato

  • Proposte e suggerimenti dei Soci per attività Comitato 

  • Varie e eventuali

Del che è verbale. F.to il Segretario Generale Walter Pane.

Verbale di Assemblea dell’Associazione Pro Parco Marino di Pantelleria del 14/06/99

Oggi 14 giugno millenovecentonovantanove alle ore 21,30 presso la sala consiliare del Comune di Pantelleria si è riunita, alla presenza del Sindaco pro tempore Dott. Alberto Di Marzo, l’Assemblea dell’Associazione Pro Parco Marino di Pantelleria con il seguente ordine del giorno:

  • Presentazione dei soci;

  • Lettura, proposta modifiche ed approvazione dello Statuto Sociale;

  • Elezione del Consiglio Direttivo;

  • Varie ed eventuali.

In apertura dell’incontro prende la parola il Sindaco di Pantelleria che dopo i saluti di rito la cede al Sig.  Guido Picchetti che, prima di presentare la bozza di Statuto dell’Associazione di Pro Parco Marino di Pantelleria, presenta i soci fondatori di questa, quindi passa alla lettura delle modifiche e/o ampliamenti suggeriti dai soci allo Statuto:

Art. 4 – al punto 4 si amplia inserendo la possibilità per l’associazione di ottenere contributi da parte di Enti pubblici e/o provati;

Art. 6 – Soci Fondatori – verranno considerati soci fondatori dell’Associazione tutti quelli che alla data odierna hanno provveduto a presentare regolare domanda con il relativo versamento della quota sociale e tutti quelli che provvederanno entro il 15 luglio 1999;

Art. 6 – Soci Aderenti – viene prevista la possibilità, per questa categoria di soci, di diritto al voto dietro loro richiesta e comunque dopo due anni di adesione;

Art. 6 – Ammissione dei soci – l’ammissione dei soci avviene su domanda degli interessati e su presentazione di almeno due soci fondatori;

Alla fine della trattazione lo Statuto Sociale viene approvato dall’Assemblea all’unanimità.

Si passa alla trattazione del terzo punto all’O.d.G., elezione delle cariche la lista che viene proposta ed ampliata dall’Assemblea è la seguente:

Presidente il sig. Alberto di Marzo, Segretario il sig. Walter Pane, Presidente Comitato Scientifico il sig. Guido Picchetti, Consiglieri i sigg. Giacomo Billardello, Pietro Ferrandes, Domenico Ganci e Francesco La Francesca.

Così composto il Direttivo viene approvato all’unanimità.

Segue, a questo punto, la visione della proposta di Riserva Marina avanzata a cui vengono fatte le seguenti osservazioni:

Il Sig. Arturo Caravello fa rilevare la possibilità di ampliamento della zona "A" di riserva includendo altre possibili calette presenti lungo il perimetro dell’isola; inoltre evidenzia la mancata presenza dei pescatori dell’isola che, anche se invitati, hanno disertato l’Assemblea ed a tal uopo viene deciso di indire un incontro specifico per questa categoria;

Il Sig. Giovanni Bonomo evidenzia come l’ampiezza di 1 Km. della riserva risulti risicato e lì viene subito chiarito che la bozza del progetto contiene un errore,  infatti l’ampiezza è da intendersi di tre miglia dalla costa e non di un Km.

Null’altro essendovi da discutere la seduta viene chiusa alle ore 23,30 

copyright: Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria
c/o Ass. Tur. Pro-Loco di Pantelleria - P/za Cavour - cap. 91017 (TP)
tel. segreteria generale 0349-6789793

webmaster: Guido Picchetti - Aggiornato il 26/04/2003