Home Su Anni 2003/2006 Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011-1°sem. Anno 2011-2°sem. Anno 2012-1°sem. Anno 2012-2°sem. Anno 2013_1°sem

ANNO 2009

Dal sito web  "SUBACQUEA.MYBLOG.IT" del 6/11/09

La gestione e il futuro dell'Area Marina
Protetta delle Egadi

di Mariza D'Anna

Mi è stato segnalato il seguente articolo articolo pubblicato da "La Sicilia" di Catania - edizione di Trapani -in data 17.10.2009:

Titolo: LA GESTIONE E IL FUTURO DELL'AREA MARINA PROTETTA DELLE EGADI: INTERVIENE IL MINISTRO PRESTIGIACOMO - UNA "MISSIONE" PER RIATTIVARLA, MA L'IMPORTANTE E' CHE LA RISERVA FUNZIONI".

Riceviamo e pubblichiamo una lettera del Ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo. "In un articolo apparso domenica scorsa sulla riserva delle Egadi ("Riserva e parco,tutto da riscrivere" a pag.39) si afferma: "che l'idea dell'Area Marina Protetta fosse tramontata era stato chiaro dopo l'intervento del Ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo che aveva deciso di affidare la gestione ad un direttore interno del ministero, l'avv. Luigi Pelaggi che dall'insediamento (ad agosto) ad oggi non si è mai fatto vedere nè ha ancora posto in essere alcun atto in favore della riserva".

Si tratta di una affermazione falsa, che contiene un gravissimo giudizio di inadempienza nei confronti del ministero ed è pesantemente lesiva della dignità e professionalità del dirigente. La realtà, peraltro facilmente verificabile, è esattamente l'opposto. La riserva versava in condizioni di grave abbandono ed era ostaggio di una contesa politica locale che aveva finito per paralizzare l'operato. L'intervento del ministero si è reso necessario per ricondurre la riserva ai propri fini istituzionali e per proteggerla. Abbiamo così deciso di attivare una gestione "commissariale" di durata limitata, affidata ad un dirigente del ministero, proprio per riattivare interventi e meccanismi fondamentali per la vita della riserva (dalla riperimetrazione, al ripristino del sistema delle boe di segnalazione, alla elaborazione di un piano di gestione e regolamento) senza i quali viene meno l'esistenza stessa dell'area protetta. Se le acque delle Egadi sono terreno di conquista per la pesca abusiva, per la pesca a strascico, anche a causa di inadempienze e carenza di controlli, non si comprende in cosa consista la riserva che dovrebbe appunto proteggere l'ecosistema marino.

Questa missione è stata affidata all'avv. Pelaggi che, con ripetuti sopralluoghi a Favignana, - dall'indomani della sua nomina fino ai giorni scorsi - ha riavviato l'attività della riserva, ripristinando quelle condizioni minime ed essenziali cui facevo riferimento e avviando una stretta interlocuzione con le istituzioni locali, sindaco e giunta in primo luogo, proprio con l'obbiettivo di ridare vita a una riserva che altri e non certo il ministero (che vi ha investito risorse e impegno) aveva avviato sul viale del tramonto.

Questo rischio è stato evitato e si sta lavorando per rilanciare e valorizzare uno degli angoli di mare più suggestivi del mediterraneo. Questa attività del ministero nelle Egadi, che può non piacere a qualche spettatore interessato, ma non può essere ignorata nè smentita.

Firmato
STEFANIA PRESTIGIACOMO.

COMMENTO DEL GIORNALISTA:

L'intervento del ministro Stefania Prestigiacomo sulla riserva delle Egadi, benchè in replica ad un nostro articolo, non può che essere accolto con favore, considerandolo il primo segnale di interessamento verso l'Area Marina Protetta dopo mesi e mesi di immobilismo nel corso dei quali aveva assunto una posizione attendista e dilatoria sulla nomina del direttore e quindi sul suo funzionamento.

L'intervento, in particolare, è volto a precisare il proficuo impegno svolto in questi mesi dall'avv. Luigi Pelaggi, in qualità di commissario o direttore dell'Area Marina Protetta; questo non è dato comprendere, atteso che la nomina del sindaco Antinoro riguardava la seconda funzione, mentre nella lettera si parla di gestione commissariale (utilizzando intelocutorie virgolette).

Che la riserva fosse immobile lo sapevamo tutti e che fosse in ostaggio di una contesa politica locale era arcinoto anche al Ministero che ora parla di proteggerla, di riattivare i meccanismi per il suo funzionamento e per la sua riperimetrazione, ben sapendo che l'unico meccanismo posto in essere nel tempo era stato a fatica solo quello della sua protezione.

E' vero, inoltre, che è in atto un tentativo di trasformare la Riserva in Parco che quindi aprirebbe diversi e nuovi scenari sui quali il ministro non si esprime. Infine, ben venga l'impegno dell'avv. Pelaggi, purchè non sia l'ennesima transitoria e improduttiva scappatoia. E' questo che le isole Egadi attendono, fuori dalle polemiche e dall'immobilismo in cui solo la politica le ha tenute inesorabilmente imbrigliate.

F.to Mariza D'anna

http://subacquea.myblog.it/archive/2009/11/16/la-gestione-e-il-futuro-dell-area-marina-protetta-delle-egad.html


(copyright Guido Picchetti) 

Questa pagina è stata aggiornata il 01/01/13 .