Struttura del MAP

Home Su Barcelona Convention Le nuove 12 SPAMI Med Plan Action Protocolli UNEP-MAP Struttura del MAP Attività del MAP I Focal Points La MCSD I RACS Nagoya 2010 UNEP Regional Seas UNEP 12° Gl. Meeting UNEP MAP News
 

Dal sito UNEP / MAP - United Nations Environment Programme - Mediterranean Action

La struttura del MAP (Movement Plan Action)

I Membri Firmatari  decidono le strategie del MAP, il budget di spesa e il programma da perseguire per raggiungere gli obbiettivi del MAP in riunioni a livello ministeriale tenute ogni due anni. Spetta ad essi precisarne i Focal Points al fine di  valutare i progressi raggiunti e accertare l'applicazione a livello nazionale delle raccomandazioni emanate. Un Bureau, formato a rotazione da sei rappresentanti degli Stati membri, guida e consiglia il Segretariato del Map nel periodo che intercorre tra le riunioni biennali.

I 22 Membri firmatari che fanno parte della "Convenzione di Barcellona" sono:
Albania, Algeria, Bosnia Herzegovina, Croazia, Cipro, Egtto, la Conunità Europea, Francia, Grecia, Israele, Italia, Libano, Libia, Malta, Monaco, Marocco, Serbia e Montenegro, Slovenia, Spagna, Siria, Tunisia, Turchia.

Fin dal 1982, l' Unità Coordinatrice del MAP (MEDU) ha avuto la sua base ad Atene sulla base di un accordo di ospitalità stipulato tra la Grecia e l'UNEP. Il Governo Greco fornisce un supporto finanziario e logistico al MAP concedendogli lo stato di Segretariato Diplomatico. L'Unità Coordinatrice del MAP è il Segretariato del Piano di Azione Mediterraneo. Ne assolve le funzioni diplomatiche, politiche e informative, supervisionandole le sub-strutture del MAP (i cosiddetti Centri di Attività Regionale) e curando l'organizzazione e i programmi delle riunioni più importanti.

Le attività del MAP sono finanziate in primo luogo dai Membri firmatari con le loro contribuzioni versate al "Mediterranea Trust Fund". Alter importanti fonti di finanziamento per particolari progetti ed attività sono i contributi volontari offerti dall'Unione Europea, da agenzie delle Nazioni Unite, e dal "Global Environment Facility" (GEF).

La "
Mediterranean Commission on Sustainable Development", Commissione Mediterranea per lo Svuiluppo Sostenibile, (MSCD), è un gruppo di consulenza per i Membri del MAP. Ha una unica struttura costituita da rappresentanti dei 22 Stati membri e da altri 15 esponenti, a rotazione, di autorità locali, gruppi professionali e Organizzazioni non Governative, in grado di contribuire, con peso paritario, ad individuare soluzioni idonee a promuovere lo sviluppo eco-sostenibile nel bacino del Mediterraneo. L' MCSD coordinò la preparazione del "Mediterrarean Strategy on Sustainable Development" (MSSD), che fu adottato dagli Stati Membri nel 2005.

Il "
Programme for the Assessment and Control of Marine Pollution in the Mediterranean Region", Programma per la Valutazione e il Controllo dell'Inquinamento nella Regione Mediterranea, (MED POL), è un gruppo scientifico e tecnico del Map responsabile per la stesura del protocollo relativo alle fonti inquinanti provenienti da terra, agli scarichi in mare, e allo scarico di sostanze pericolose. MED POL assiste i Paesi Mediterranei nella formulazione e nella realizzazione di programmi di monitoraggio dell'inquinamento, effettuando le relative misurazioni e la messa a punto di piani d'azione capaci di eliminare l'inquinamento provocato da fonti terrestri. 

Sei "
MAP Regional Activity Centres", Centri Regionali di Attività MAP, (RACs), sono dislocati in Paesi Mediterranei, ciascuno in grado di offrire la propria esperienza in tutela ambientale e tecniche di sviluppo a favore delle comunità mediterranee per la realizzazione dei progetti del MAP.

NB. - Libera traduzione dalla pagina web http://www.unepmap.org/index.php?module=content2&catid=001017


(copyright Guido Picchetti)

Questa pagina è stata aggiornata il 07/11/13 .