Le nuove 12 SPAMI

Home Su Barcelona Convention Le nuove 12 SPAMI Med Plan Action Protocolli UNEP-MAP Struttura del MAP Attività del MAP I Focal Points La MCSD I RACS Nagoya 2010 UNEP Regional Seas UNEP 12° Gl. Meeting UNEP MAP News

30/10/2010. - L'1 e 2 Giugno 2010 si è svolta ad Istambul in Turchia una riunione straordinaria del MAP che ha segnalato 12 nuove  "Aree di Protezione Speciale" del Mediterraneo, candidate all'inserimento nella "SPAMI List"  dell'UNEP MAP, dove SPAMI sta per "Specially Protected Areas of Mediterranean Interest". Ben 5 di tali aree comprendono in parte acque territoriali italiane: nel Tirreno centrale, In Adriatico, nello Ionio  e due nello Stretto di Sicilia, evidenziate in giallo  e indicate con il n° 5 e il n° 6 nella mappa  qui sopra  riportata.

Al meeting di Istambul  il nostro Paese era rappresentato da Mrs. Daniela Addis (Legal Advisor Ministry for the Environment, Land and Sea) e dal Prof. Giulio RELINI (Formerly Full Professor in Ecology University of Genova and Italian Soc. For Marine Biology).

Questo il link al verbale, disponibile in lingua inglese e francese:
http://195.97.36.231/acrobatfiles/10WG348_5_Eng.pdf

_________________________________

10/10/2010. - Questo che segue è invece il testo integrale del primo report  del meeting dell' UNEP-MAP dI Istambul dello scorso Giugno. Per ciascuna delle  12  nuove aree marine del Mediterraneo   si dichiara nel documento che il Segretariato della Convenzione di Barcellona contatterà ufficialmente le autorità dei Paesi interessati, come è stato richiesto dalle rappresentative nazionali durante il meeting. E' un passo importante e necessario per poter concretizzare l'istituzione di queste SPAMI, che, interessando anche zone di mare aperto,  coinvolgono  nella maggior parte dei casi  Paesi mediterranei  diversi, benchè tutti Membri dell'UNEP-MAP. (gp)

World Environment Day 5th June: 12 New areas of biodiversity conservation identified in the Mediterranean Sea
03.06.2010

Athens, 3 June 2010 – Twelve new areas for biodiversity conservation in the Mediterranean Sea have been identified during a meeting of experts on 12 June in Istanbul, just before the celebration of World Environment Day on 5th June.

Scientific experts and national representatives of the regional centre of the UNEP Mediterranean Action Plan (UNEP/MAP) specialised in biodiversity and Specially Protected Areas (SPA/RAC) identified twelve areas in the Mediterranean, which present specific interest for biodiversity conservation, in view to promoting the establishment of a representative ecological network of protected areas in the Mediterranean.

A final report with proposals will be presented at the end of 2011 to the meeting of the Contracting Parties of the
Barcelona Convention.

“This outcome is a major achievement in our path to protect Mediterranean biodiversity”, said Adberrahmen Gannoun, Director of SPA/RAC. “The document adopted constitutes an excellent basis for the work that we have to carry our in
the region”.

Priority conservation areas in the Mediterranean open seas, including the deep sea, that could contain candidate sites for the creation of new marine protected areas

1 Alborán Seamounts / 2 Southern Balearic / 3 Gulf of Lions shelf and slope / 4 Central Tyrrhenian / 5 Northern Strait of Sicily (including Adventure and nearby banks) / 6 Southern Strait of Sicily 7 Northern and Central Adriatic / 8 Santa Maria di Leuca / 9 Northeastern Ionian / 10 Thracian Sea / 11 Northeastern Levantine Sea and Rhodes Gyre / 12 Nile Delta Region

The twelve areas identified are: the Alborán Seamounts, the Southern Balearic, the Gulf of Lions shelf and slope, the Central Tyrrhenian portion adjacent to the Pelagos Sanctuary, the Tunisian Plateau (more specifically the Northern Strait of Sicily including Adventure and nearby Banks and the Southern Strait of Sicily), the Northern and Central Adriatic, Santa Maria di Leuca in the Ionian Sea and the Northeastern Ionian, the Thracian Sea (Aegean), the Northeastern Levantine Sea and Rhodes Gyre, the Nile Delta Region.

France and Spain expressed the intention to pursue their cooperation wıth regard to the Gulf of Lyons and to consider the possibility of preparing a proposal for the declaration of a SPAMİ (Specially Protected Areas of Mediterranean Interest).

Concerning the Balearic Islands area which is situated in the Spanish zone for the conservation of living marine resources, Spain indicated the intention to pursue the implementation of the necessary measures in collaboration wıth the European Commission and taking into account the ICCAT (International Commission for the Conservation of Atlantic Tuna) provisions.

Seizing the oppurtunity of a workshop entitled ‘Towards a representative MPA [Marine Protected Areas] network in the Adriatic’ in October 2010, Slovenia invited the countries bordering the Adriatic to take advantage of this forum to progress towards coordinated measures for establishing a SPAMİ in this region.

For each site identified, the Secretariat of the Barcelona Convention will officially contact the authorities of the countries concerned, as requested by country representatives during the meeting. This step would be essential to initiate the process of SPAMIs creation, including in the high seas, and would serve to sensitize decision makers and competent national institutions concerning the activities developed under this project.

“Mediterranean countries recognise the need of extending significantly the list of marine protected areas in the region. In that way they will be able to protect more effectively the unique Mediterranean biodiversity, and advance towards achieving CBD targets [Convention on Biological Diversity]”, said Maria Luisa Silva, UNEP/MAP Officer-in-Charge and Deputy Coordinator.

“This work is a sound basis to further promote the establishment of new Specially Protected Areas of Mediterranean Interest, including in the high seas, in addition to the 25 areas already established under the Barcelona Convention and its SPA and Biodiversity Protocol.”

For more information on World Environment Day 2010 and activities worldwide:

WED website:
http://www.unep.org/wed/2010/english/ 

Contact: Anne-France White, UNEP Information Officer, +254 20762 3088, or
anne-france.white@unep.org  


(1) WED, organized by the UN Environment Programme (UNEP) every year since 1972, is the UN’s biggest global celebration for positive environmental action. The 2010 theme focuses on the central importance to humanity of the globe's wealth of species and ecosystems, in support of the 2010 UN International Year of Biodiversity.

Under the theme 'Many Species. One Planet. One Future', this year’s event will celebrate the incredible diversity of life on Earth as part of the 2010 International Year of Biodiversity. This year’s host country, Rwanda, was chosen for its combination of environmental richness, including rare species such as the mountain gorilla, allied to pioneering green policies.

(2) The Mediterranean Action Plan (MAP) is a regional institution that supports and coordinates the implementation of the Barcelona Convention and Protocols which were adopted by the 21 countries bordering the Mediterranean basin and the European Union for the purposes of protecting the marine and coastal environments.

SPA/RAC is based in Tunis and focuses on biodiversity and the protection of Mediterranean species, their habitats and ecosystem.


http://www.unepmap.org/index.php?module=news&action=detail&id=90

______________________________

Interventi nel dibattito conseguente alla divulgazione del suddetto documento.
#
Maria Ghelia in data 11/10/10
Grazie Guido, ma leggo però che il governo italiano, a differenza del francese e spagnolo, non ha risposto ... Buona giornata.
#
Guido Picchetti in data 11/10/10
Di che ti meravigli ? Quello che però mi farebbe tanto piacere sapere è chi rappresentava l’Italia nella riunione dell’UNEP-MAP ad Istambul nel Giugno scorso... Qualcuno ci sarà pur dovuto essere... Saranno stati dei biologi marini ? O dei politici ? Insomma, chi ha proposto le nuove aree da proteggere, almeno 4 su dodici ricadenti in acque territoriali italiane ? O siamo giunti al punto che le proposte di difendere certe nostre aree marine vengono avanzate da altri Paesi, preoccupati per la nostra insensibilità e incapacità a risolvere problemi del genere ? Ed è poi possibile che con l’INFO/RAC-MAP (organo di informazione dell’UNEP-MAP) che ha sede in Italia, ma non si sa più se presso la Regione Sicilia o presso l’ISPRA, non si riesca a far sapere niente in merito ? Eppure lo scopo istituzionale dell’INFO-RAC-MAP (diretto dal dr. Illuminato) è proprio curare l’informazione di tutto ciò che il MAP (Mediterranean Plan Action) propone e realizza per la tutela ambientale del Mediterraneo... Bella figura che ci facciamo come nazione con questa prova di inefficienza !!! Un abbraccio, Guido.
#
Maria Ghelia in data 11/10/10
Chissà! Spero che siano stati biologi... Se ci fossero stati politici si sarebbe subito saputo! Il guaio, per quanto mi riguarda, è che penso più probabile un'iniziativa degli altri paesi partecipanti preoccupati del nostro silenzio assoluto in questo campo... Buona giornata. Maria.
#
Angelo Mojetta  in data 11/10/10
Di che ti meravigli bis... Sul sito in questione è tutto aggiornato al... 2008. Angelo.
#
Guido Picchetti in data 13/10/10
Caro Angelo, fino ad ieri sera il sito dell'INFO/RAC-MAP era pienamente funzionante, sebbene, come tu dicevi, aggiornato soltanto fino al 2008... Stamane invece stranamente non c'è più ... O non hanno rinnovato la quota al server che lo ospitava, oppure è in rifacimento... E non vorrei che ci dessimo troppa importanza, ma la domanda è lecita: che sia conseguente al maggior rilievo che (sia su FB che su Blog Sicilia) si sta dando alle attività dell'UNEP-MAP, il fatto che all'ISPRA, dove ha sede attualmente l'INFO/RAC-MAP, si siano finalmente accorti che i suoi compiti informativi non erano minimamente assolti?

Comunque è un dato certo che, se vuoi sapere qualcosa in merito alla protezione dell'ambiente del Mediterraneo e dell'attività dell'UNEP-MAP a ciò preposta, l'unica soluzione è al momento indirizzarsi sul suo sito in lingua inglese e francese raggiungibile all'url
http://www.unepmap.org/index.php. Qui le notizie sono abbastanza aggiornate e c'è molto materiale interessante da leggere...

Tralascio il più recente relativo al 2010, avremo modo di parlarne in futuro... E mi riferisco solo a tre importanti riunioni del "Mediterranean Action Plan" del 2009 di cui puoi trovare i report in pdf.

La prima riunione è il "Meeting of MAP Focal Points" svoltosi ad Atene dal 7 al 10 Luglio 2009.Il tema era "PROPOSAL OF NEW SITES FOR INCLUSION IN THE SPAMI LIST", dove, come ben sai, SPAMI sta per "Specially Protected Areas of Mediterranean Importance". Il report relativo è dei tre il più più breve. In 15 pagine appena riferisce dell'approvazione per l'inserimento nella Spami list di quattro aree marine protette: la Riserva Naturale delle Bocche di Bonifacio (Francia), l'Area Marina Protetta di Capo Caccia-Isola Piana (Italy), l'Area Marina Protetta di Punta Campanella (Italy), e l' Al-Hoceima National Park (Marocco).

La seconda riunione è quella svoltasi al Cairo dal 28 al 30 Settembre 2009 e nel report finale di ben 260 pagine sono indicati i criteri e le strategie da adottare su scala nazionale per uno sviluppo sostenibile dell'intera area mediterranea.

La terza riunione, infine, è in pratica la 16° Assemblea Generale dell'UNEP-MAP svoltasi a Marrakesh in Marocco dal 3 al 5 Novembre 2009. Il report è di ben 320 pagine, ma oltremodo ricco di temi interessanti, che meriterebbero un 'attenta e approfondita analisi. Mi limito qui a qualche accenno.

Anzitutto sulla delegazione italiana che ha partecipato ai lavori. Capo delegazione era il Dr. Oliviero Montanaro del Ministero dell'Ambiente, accompagnato dal Dr. Roberto Giangreco, anch'egli di Miniambiente. Ne facevano anche parte la Dr.ssa Laura Calligaro del Ministero degli Esteri, nonchè la Dr.ssa Maria Dalla Costa e il Dr. Claudio Maricchiolo dell'ISPRA. Tra gli esperti partecipanti ai lavori della convention era compreso l'italiano mr. Antonio Navarra, presidente del CMCC (centro euro-mediterraneo per i cambiamenti climatici), mentre, in rappresentanza di organizzazioni non governative, c'erano ancora due italiani, Ms. Giorgia Monti e il Dr. Fabio Badalamenti del CNR, entrambi appartenenti a Green Peace.

Di particolare interesse quella che sul report viene indicata come la "Marrakesh declaration", nella quale tra l'altro vengono sollecitati gli Stati membri a insistere nell'opera di individuazione e istituzione di aree marine protette, soprattutto per la protezione della biodiversità, con la prospettiva di arrivare a formare per il 2012 un vero e proprio network delle aree marine protette anche in alto mare, come già previsto dai recenti accordi internazionali. E vengono ancora invitati gli stati membri ad estendere, in accordo con le leggi internazionali, le aree marine sotto la loro giurisdizione, proprio al fine di poterne assicurare la doverosa protezione ambientale.

E altrettanto interessante è il capitolo che riguarda i bilanci economici dell'UNEP-MAP che evidenzia come l'Italia con il 31,27% (pari ad € 1.377.670) sia il secondo Paese per apporto contributivo, preceduta solo dalla Francia con il 37,85% (pari a € 2.103.262), su un totale di contribuzioni che raggiunge l'importo di € 5.995,571.

Sono solo due accenni, ma ti posso assicurare che il documento dice molto e molto di più. Ma ciò che dispiace è che l'INFO/RAC-MAP, di cui dicevamo all'inizio, ha fino ad oggi totalmente tradito i suoi fini istituzionali, non fornendo le doverose e giuste informazioni sull'attività dell'UNEP-MAP. C'è ora solo da sperare che le cose cambino. L'urgenza di certi problemi che minacciano ambienti marini mediterranei rientranti nelle competenze territoriali italiane, quali ad esempio lo Stretto di Sicilia, lo richiede. Non vorrei che succedesse all'ISPRA, un organismo che tanti meriti ha acquisito negli anni andati, divenisse una specie di "parastato" nel campo della ricerca scientifica per il mare, in pratica un organismo "parascientifico", che ha poco di "scientifico", e molto di "para"...


(copyright Guido Picchetti)

Questa pagina è stata aggiornata il 07/11/13 .