Home Su Oc. biol. 2002 Oc. biol. 2003

Poster presentato al XXXIII Congresso Società Italiana di Biologia Marina,
Castelsardo (SS), 3-8 Giugno 2002

NB - I risultati della ricerca sono dettagliatamente pubblicati su BOLLETTINO DI GEOFISICA TEORICA ED APPLICATA, (Marzo 2003), vol. 44, n° 1, pp. 3-9; e su BIOLOGIA MARINA MEDITERRANEA (2003), 10 (2): 650-654.
 

Allo scopo di dare inizio ad un'indagine conoscitiva sulle proprietà idrologiche, chimiche e biologiche delle masse d'acqua presenti attorno all'isola di Pantelleria (canale di Sicilia), indagine propedeutica a studi di fattibilità circa la creazione di un'area marina protetta, vengono esposti i risultati preliminari di un programma di ricerca articolato in due fasi: 1°) studio della distribuzione spaziale di alcuni parametri idrochimici su 10 stazioni costiere, effettuato mediante profili verticali da sonda multiparametrica e campionamenti a quote discrete (a 5, 20 e 50 m); 2°) studio intensivo dell'idrologia, condotto per mezzo di registrazioni strumentali continue al fondo di una stazione fissa, la Ficara, in prossimità di posidonieti in ottimo stato di conservazione. I parametri indagati riguardavano: temperatura, salinità, ossigeno disciolto, fluorescenza in-vivo da sonda multiparametrica; nutrienti disciolti (azoto ammoniacale, nitroso, nitrico, silicio da ortosilicati, fosforo da ortofosfati) e clorofilla a da campionamenti discreti. Il periodo considerato è la tarda estate del 2001.

Le sezioni verticali mostrano la presenza di un termoclino stagionale situato attor-no ai 30-35 m, che separa acque super-ficiali, con temperature attorno ai 27-28°C, da acque profonde, con temperature comprese tra 16.5 e 18.5°C. Le distri-buzioni verticali delle isoaline indicano una situazione oceanografica complessa, caratterizzata da advezione subsuper-ficiale e profonda di acque a bassa salini-tà (36-37 PSU) e da intrusione intermedia di acque a maggiore contenuto alino (attorno a 38 PSU). Il carattere oligotro-fico delle acque è evidenziato dalle basse concentrazioni rinvenute sia per quanto riguarda la clorofilla a, pari a 0.1-0.2 mg/dm3 lungo tutta la colonna, che per i nutrienti disciolti, con medie di azoto inorganico  disciolto (DIN),  di ortosilicati

e di ortofosfati rispettivamente pari a  0.31 (ds=0.13), 1.04 (ds=0.14) e 0.05 (ds=0.02) mM. Il DIN è rappresentato principalmente dalla frazione ammonia-cale (media=74%), che aumenta le sue percentuali procedendo dalla superficie al fondo (rispettivamente dal 64 all'81%), mentre la forma più ossidata, il nitrato, si comporta in maniera inversa, dimi-nuendo dal 34% in superficie al 16% al fondo. Queste distribuzioni, unitamente alla variazioni dei rapporti clorofilla a / feopigmenti, che da valori medi di 2.2 a -5 m scendono a 0.6 a -50 m, sono indici di una fase terminale dell'attività biolo-gica lungo la colonna d'acqua e di feno-meni rigenerativi che avvengono in pros-simità del fondo.


L'attivo dinamismo delle masse d'acqua è stato evidenziato nelle registrazioni continue (avvenute con frequenza di 10' per 120h, per un totale di circa 700 records acquisiti) effettuate al fondo della stazione della Ficara, vicina alla stazione 6: qui, nell'arco di poche ore sono state rilevate marcate escursioni di temperatura (fino ad più di 5°C) e di salinità (circa 1 PSU), dimostrando come, nel periodo esaminato, i fondali dell'isola siano stati interessati da due diverse masse d'acqua, l'uno ad alta temperatura e salinità (Ionian Surface Water, ISW), l'altra più fredda e diluita (Modified Atlantic Water, MAW), che si sono alternate secondo una ciclicità da indagare con uno studio più esaustivo.

Un sentito ringraziamento a: Guido Picchetti, Mariella Morselli, Walter Pane, Giorgio Montesi, Angelo Mojetta, Massimo Brunelli, il Centro Immersioni Pantelleria di Maria Ghelia, i volontari dell'Acquario Civico e dell'Associazione Verdeacqua di Milano, la CORR-TEK di Verona, la SOCO srl di Agrate Brianza (MI). Ricerca commissionata dal Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria con i fondi messi a disposizione dal prof. Brian Davies (International Fund for Animal Wellfare, USA).
 


(copyright Franco Bianchi - webmaster Guido Picchetti) 

Questa pagina è stata aggiornata il 06/11/13