E-mail 25/01/10

Home Su E-mail 21/01/10 E-mail 25/01/10 E-mail 8/02/10 E-mail 20/02/10 E-mail 3/03/10 E-mail 7/03/10

25/01/2010 - Riunione del 25/01/10 in Comune sull'AMP di Pantelleria

Indirizzata a:
Maria Ghelia <mariaghelia@tiscali.it>;
RENATO CHEMELLO <chemello@unipa.it>;
Giustino Piazza <piazza.moscone@tin.it>;
Silvano Riggio <sriggio@unipa.it>;
Siegfried Buck <siegfried_buck@web.de>;
Eddy Famularo <speedymotorbike@gmail.com>;
Franco Bianchi <franco.bianchi@ve.ismar.cnr.it>;
Vincenzo Di Martino - CNR <vincenzo.dimartino@cnr.it>; Arturo Caravello <parrinelloluciano@virgilio.it>;
Mariagrazia Graziano <mggraziano@gmail.com>;
Francesco Pavia <francesco.pavia@istruzione.it>;
Mariella Morselli <mariella_morselli@libero.it>;
Giulia Mo <giulia.mo@isprambiente.it>

Cari amici,

come promesso, Vi invio alcune brevi note informative sull'ultima riunione svoltasi lunedi scorso nell'aula consiliare del Comune di Pantelleria sul tema dell'Area Marina Protetta, pregandoVi fin d'ora di scusare la sinteticità di quel che segue, ma restando a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione.

Al tavolo della Presidenza dei lavori della riunione erano il Ministro Ferruccio Fazio, il Prefetto di Trapani,  il Sindaco Salvatore Gabriele e l'assessore all'Ambiente Angela Sira-gusa,  che hanno dato un benvenuto ai relatori, da essi invi-tati, e al numeroso pubblico presente in aula.

Questi i relatori succedutisi nei vari interventi sul tema delle AMP in generale e di quella di Pantelleria in particolare:  

- Franco Andaloro dell'ISPRA, il quale ha parlato di come può incidere l'istituzione di un'AMP sulla vita di un'isola,  e di come oggi si cerchi in queste realizzazioni di conciliare al massimo le finalità protettive ambientali con gli interessi economici e produttivi delle zone interessate. Nelle moderne AMP, in altre parole, il mare non è più un tabù, ma viene riservato ai residenti, cui non sarà negata neppure la possibilità di pesca, se pure nel pieno rispetto delle normative richieste da un sano sviluppo sostenibile delle risorse...

- Il dott. S. Marino, dell'Arpa Siclia, ente al quale  è stato affidato lo studio di base dell'AMP, già iniziato lo scorso mese con la collaborazione dell'ISPRA, e che si prevede di portare a termine entro pochi mesi. 

- Sebastiano Tusa, Sovrintendente del Mare della Regione Sicilia, il quale ha illustrato gli itinerari archeologici subacquei, già istituiti lungo le coste di Pantelleria, e di come essi rientrino in un piano di protezione generale, che comprende non solo la biodiversità, ma anche il patrimonio culturale dell'isola. 

- Il Comandante del Compartimento Marittimo di Trapani, il quale ha riferito sulle norme legislative che portano oggi all'istituzione di un'AMP. 

- Due responsabili dell'AMP delle Cinque Terre, che hanno illustrato le particolari caratteristiche dell'Area Marina Protetta delle Cinque Terre (una zona che comprende grosso modo un bacino di residenti numericamente simile a quello dell'isola di Pantelleria), e i vantaggi che l' istituzione ha portato  a tutta quella comunità ligure. 

- Enzo Incontro, responsabile dell'AMP del Plemmirio in provincia di Siracusa, che ha presentato una completa pano-ramica delle caratteristiche e dei risultati raggiunti in pochi anni da questa piccola area marina protetta, non solo dal punto  di  vista  della  protezione ambientale, ma soprattutto


 

dal punto di vista dello sviluppo economico, per il notevo-lissimo incremento di visitatori che si è avuto nella zona (subacquei e non) e che tutti gli operatori economici legati al settore turistico hanno potuto riscontrare, grazie anche alle numerose intelligenti iniziative che l'ente gestore dell'area ha avviato con il consenso e l'appoggio di tutta la comunità locale.

In chiusura, su invito del Sindaco Salvatore Gabriele, si è svolto un breve dibattito con l'intervento di alcuni dei presen-ti, che hanno richiesto chiarimenti in merito alle caratteristiche dell'AMP di Pantelleria e ai limiti che la sua istituzione potreb-be comportare. Domande cui lo stesso Sindaco ha risposto ribadendo il concetto che l'istituzione dell'AMP (della quale già si parla di un suo inserimento in un più vasto "Parco Nazionale di Pantelleria", una volta integrata con  la già istituita RIserva Naturale Orientata terrestre), è un'occasione d'oro, assoluta-mente da non perdere, e che di questo occorre essere tutti decisamente convinti... 

Questo il riassunto della riunione  Come si può bene dedurre da quanto sopra e in considerazione della sua finalità prin-cipale (informare la popolazione dell'isola degli attuali sviluppi dell'iniziativa), per quanto riguarda il Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria nel suo corso non c'è stata occasione di toccare l'argomento, pur essendoci non pochi iscritti al Comitato Pro Parco tra i partecipanti alla riunione. Oltre al  Prof. Sebastiano Tusa. membro del Comitato Scientifico della nostra Onlus, e allo stesso Ministro Ferruccio Fazio, iscritto al Comitato Pro Parco dal 27 Agosto 2003, ricordo tra i soci da me riconosciuti  (scusandomi con quanti eventualmente sfuggitimi):  Saro CappadonaArturo Caravello, Eddy FamularoPiero FerrandesRoberto Gre-co, Mariella Morselli, e Gianfranco Sborgia.  Durante i lavori il Comitato Pro Parco di Pantelleria è stato citato due sole volte: dall'Assessore all'Ambiente Angela Siragusa, per segnalare una lettera di scuse per l'assenza inviata dal Prof. Franco Bianchi, presidente del Comitato Scientifico; e dallo stesso Sindaco Salvatore Gabriele,  nell'annunciare una prossima riunione cui dovrebbero partecipare rappre-sentanti di varie organizzazioni locali interessate all'argo-mento dell'AMP pantesca. 

Personalmente ho avuto occasione di avere una scambio di vedute, prima dell'inizio dei lavori, con l'amico Franco Anda-loro, cui ho consegnato un promemoria sull'attività del Dipartimento e di Ecologia e del Gruppo di Ricerca del Labo-ratorio di Conservazione e Gestione della Fascia Costiera, inviatomi dalla socia Mariagrazia Graziano dell'Università di Palermo; ,e di scambiare poche parole con il Ministro Fazio, al quale, ricordando anche la sua gradita iscrizione tra i soci del Comitato, ho consegnato un CD con tutti gli Atti del CPPM di Pnt, dalla sua fondazione (Maggio 1999) fino al 6 Giugno 2004, pubblicati a suo tempo sul web, 

Questo è quanto. Con i più cordiali saluti, ancora ringrazian-doVi per aver riscontrato la mia precedente e-mail.

Guido Picchetti

PS. - Con l'occasione, voglio segnalarVI che sto procedendo a creare e pubblicare, sulla mia Homepage, uno spazio riservato all'AMP di Pantelleria, spazio nel quale oltre a rimettere in linea tutti gli atti originali del Comitato (dalla sua fondazione al 2004)  già resi pubblici sul vecchio sito web  lasciato successivamente decadere, proporrò ogni novità a mia conoscenza riguardante sia l'AMP di Pantelleria che il Comitato Pro Parco, organizzazione Onlus tutt'oggi ancora in essere...  Naturalmente è uno spazio aperto agli interventi di tutti i Soci ... e non solo.

horizontal rule

Corrispondenza successiva con i Soci

27/01/2010 - da Maria Ghelia
<mariaghelia@tiscali.it>

Grazie, Guido, per la dettagliata relazione sull'incontro per l'AMP. Quindi hanno solo parlato loro ed andranno avanti secondo i loro piani: gli altri, se vorranno godere dell'AMP, dovranno pagare Fazio, suppongo. Vedremo come si svi-luppano le cose. Qui freddo, ieri sera nevicata che, per fortuna, sta sciogliendosi. Un abbraccio anche a Mariella.
Maria

27/01/10 - da Silvano Riggio
<sriggio@unipa.it>

Grazie, Guido, sia per la tua preziosa presenza che per l'appassionata testimonianza dei fatti. Vedremo come andranno le cose. Ciao,
Silvano

27/01/10 - da Franco Bianchi
<franco.bianchi@ve.ismar.cnr.it>

Va bene che sto diventando vecchio, ma non ricordo asso-lutamente di aver inviato alcuna lettera di scusa per la mia assenza dalla riunione di lunedì scorso, della quale, tra l'altro, non ho mai ricevuto comunicazione ufficiale da parte del Comune.
Cordialità, Franco Bianchi

27/01/10 - La mia risposta a Franco Bianchi

Non parlare di "vecchiaia" a uno più vecchio di te... Eppure siamo in due (Mariella ed io) ad aver sentito parlare di una lettera di scuse che c'era parso dicessero pervenuta dal "presidente di un comitato scientifico", e avevamo pensato entrambi  che  si  trattasse  da parte tua....  visto  i rapporti spesso intercorsi  tra te  e il Comune...  Ma ormai  non c'è da meravigliarsi più di niente...  Chissà di quale presidente  e di quale comitato scientifico si tratta... Comunque riporterò la tua rettifica quando (a breve) completerò la pagina intro-duttiva agli  Atti del CPPM di Pnt  sul mio sito con tutte le ul-

time novità... E quando incontrerò la Prof. Siragusa Le chie-derò chiarimenti al riguardo...Ti farò sapere.
Ciao,  con un abbraccio, Guido.

28/01/10 - da Vincenzo Di Martino
<
vincenzo.dimartino@cnr.it>

Carissimi, leggo con piacere il riassunto di quanto accaduto nel corso della riunione dello scorso 25 gennaio a Pantelleria avente come oggetto l'istituenda AMP di Pantelleria. Come tutti voi avrete ben capito si è trattato solo di una "passerella" che è stata inscenata perché "alcuni" si pavoneg-giassero per quanto sono belli, bravi, buoni e per dimostrare al mondo perché senza di essi mai Pantelleria avrebbe potuto avere la sua AMP.
 
Per quanto concerne le perplessità di Franco Bianchi che vista l'età non ricorda di aver mai inviato una lettera per scusarsi della propria assenza devo dire che l'età non c'entra ma Franco quella lettera non l'ha mai ne scritta ne inviata. La lettera di cui è stata data lettura dalla signora Siragusa Assessore del Comune pantesco è stata scritta e inviata a mezzo fax da me la mattina precedente la riunione. Ho sentito il dovere di farlo per diverse ragioni che non sto qui ad elencare per non tediarvi. Vi dico solo la più importante di queste che è il mio amore per Pantelleria dove ho trascorso momenti bellissimi e dove spero di poter tornare presto. Per chi avesse voglia di conoscerne i contenuti ho allegato copia della lettera in attached al presente messaggio. Un caro saluto a tutti.
Vincenzo Di Martino

11/02/10 - da Giulia Mo
<giulia.mo@isprambiente.it>

Grazie!!
Mi spiace del disguido "elettronico".
Mi tenga sempre aggiornata sull'avanzamento dei lavori per
l'AMP. Pantelleria è sempre una zona molto importante per me per via dell'elevata possibilità di avvistamenti di esemplari di Foca monaca... Grazie ancora, Giulia Mo.

horizontal rule

Copia  allegata all'e-mail del Dr. Vincenzo Di Martino del 28/01/10
della lettera inviata via fax il 25/1/10 all'Assessore all'Ambiente del Comune di Pantelleria

C.N.R.- I.A.M.
Istituto per l'Ambiente Marino Costiero
Dr. Vincenzo Di Martino
Dipartimento di Scienze Geologiche
(Sezione di Oceanologia e Paleoecologia
dell'Università di Catania)

Alla c.a. della Sig.ra Angela Siragusa
Assessore al Turismo e all'Ambiente
del Comune di Pantelleria
e p.c. al Sig. Salvatore Gabriele
Sindaco del Comune di Pantelleria

Oggetto: Incontro per l’istituzione dell’Area Marina Protetta Isola di Pantelleria.

Gent.ma Sig.ra Angela Siragusa,

sono il Dr. Vincenzo Di Martino, ricercatore dell'Istituto Am-biente Marino Costiero del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e socio fondatore dell'Associazione Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria della quale il Sindaco pro tempore, per statuto, riveste la carica di Presidente. Ancora, in seno a tale Associazione ricopro la carica di presidente del Comitato Scientifico della medesima.

Le scrivo perché, solo venerdì scorso, per il tramite del Sig. Guido Picchetti, sono venuto a conoscenza dell'incontro che oggi si tiene a Pantelleria in merito all'Istituzione della AMP Isola di Pantelleria.

Mi è parecchio dispiaciuto ricevere con così poco preavviso la notizia di un evento tanto importante non solo per chi ha a cuore la protezione del mare ma anche, e forse sopratutto, per chi ha a cuore il futuro socio economico degli abitanti di Pantelleria.

L'istituzione di una AMP, infatti, non va vista come un evento che andrà a limitare le possibilità di reddito e di fruizione dei cittadini interessati dal provvedimento legislativo. Al contrario.

Così come avviene in tante parti del mondo, nulla vieta che anche a Pantelleria la società civile e gli amministratori locali  possano trovare  molteplici nuove fonti  di crescita so-

cio-economica per le realtà locali "sfruttando", in maniera oculata e attenta alle esigenze protezionistiche, l'ambiente che ci si appresta a proteggere.

Infatti, proteggere una determinata porzione dell'ambiente in cui viviamo vuol dire custodirne e tutelarne le peculiarità affinché possa essere fonte di arricchimento

culturale, sociale, economico non solo nel presente ma, sopratutto, per un futuro quanto più lungo possibile semplicemente prendendosene cura e amministrando con accortezza le sue risorse.

L’amarezza è ulteriormente accresciuta dalla consapevolezza che l’Associazione, fin dalla sua nascita, si è sempre adoperata per far fede ai propri compiti istituzionali promovendo in proprio, senza alcuna sponsorizzazione esterna, varie attività mirate alla sensibilizzazione delle realtà locali circa la necessità di una pronta istituzione della AMP di Pantelleria e, anche, facendosi carico di attività di ricerca sul campo che molti ricercatori hanno condotto nelle acque e nei fondali dello splendido mare della "nostra" Isola.

Mi vengono in mante le ricerche condotte dal Dr. Franco Bianchi, ricercatore dell’ISMAR/CNR di Venezia, su tematiche inerenti l’oceanografia biologica delle acque costiere di Pantelleria e le mie indagini sulla vegetazione sommersa dell’Isola e della fauna ittica associata alle diverse unità bionomiche presenti nei suoi fondali. Ciò solo per citare alcune delle attività scientifiche condotte da ricercatori nonché soci del sodalizio.

Le chiedo, pertanto, di voler tenere presente l’Associazione Comitato Pro Parco Marino di Pantelleria, di cui il Sindaco di Pantelleria è Presidente, in occasione di futuri eventi e/o creazioni di gruppi di lavoro e/o di esperti-consulenti riguardanti l’istituzione della AMP Isola di Pantelleria.

Infine, nel congedarmi, la inviterei a voler dare lettura di questo mio documento in occasione dei lavori di questo pomeriggio.

Grazie. Cordiali saluti.

Vincenzo Di Martino

horizontal rule

Mio riscontro alla e-mail di  Vincenzo di Martino  del 28/01/10

28/01/10 - La mia risposta a Vincenzo di Martino  e p.c. a tutti gli amici del Comitato che avevano risposto all'invito.

Bravo Vincenzo...  Ottimo intervento  il tuo  (quello presso gli organizzatori della riunione), che riqualifica il Comitato Pro Parco e la lunga attività svolta. Una precisazione, invece, debbo fare in merito a quanto da te scritto nella e-mail indirizzata a tutti noi . La Sig.ra Siragusa durante la riunione del 25 u.s. non ha dato affatto lettura della tua lettera indirizzata al Comune e al Sindaco (presidente pro tempore del nostro Comitato) - come pure a mio giudizio avrebbe potuto ... e dovuto fare -, ma ne ha soltanto citato la ricezione... 

Per quanto riguarda il mio errore di interpretazione, tra te e Bianchi, su chi fosse il "Presidente del Comitato Scien-tifico" della nostra organizzazione che aveva inviato la lettera al Comune, chiedo venia. Dopo gli avvenimenti del 2004 che videro scalzare il Direttivo allora in carica con la nomina di un Direttivo ex novo (che qui a seguire riporto per debita informazione come risulta dagli atti), a noi poveri Soci del Comitato Pro Parco non è stato più comunicato nulla. ...  Sappiamo solo che la nostra ONLUS (in barba a tutte le norme legislative che ben disciplinano tale tipo di organizzazioni) ci risulta non essere mai stata sciolta, come forse allora sarebbe stato meglio fare ... 

Questo l'ultimo Direttivo del Comitato Pro Parco come risulta dagli Atti pubblicati  a suo tempo sul web,  che con-




fermano il mio errore:

Presidente

Walter PANE, scomparso purtroppo lo scorso anno.

Segretario Generale

Francesco  LA FRANCESCA, dimessosi nel  2005.

Presidente Comitato Scientifico

Vincenzo DI MARTINO

Consiglieri

Saro CAPPADONA

Antonio D'ANCONA

Piero FERRANDES

Flaviano GORRERI

E-mail di Vincenzo Di Martino di risposta alla mia del 28/1/01

28/01/10 - A Guido Picchetti da Vincenzo Di Martino

Ciao Guido,

Ti ringrazio per la precisazione in merito alla lettura della lettera.

Per ciò che concerne il tuo errore di interpretazione no v'è nessun problema del resto come tu scrivi molto chiaramente gli avvenimenti che hanno caratterizzato gli ultimi 6 anni di vita del Comitato sono alquanto tumultuosi e poco lineari. Per altro anche a me non fu data comunicazione di gran parte degli atti compiuti dall'Associazione ma, addebito ciò anche ad una mia relativa latitanza da Pantelleria e dal Comitato per venti personali che mi hanno potato a girovagare per l'Italia grazie all'annoso problema della precarietà della ricerca e dei ricercatori. 

Visto che ti appresti a ricreare una pagina web del Comitato sul tuo sito personale gradirei che correggessi i miei dati così come di seguito di indico:

Vincenzo Di Martino
via A. Longo, 76; 95125 Catania
tel.: 095-7195763
fax: 095-7195737
mob.: 340-3140995
e-mail:
vincenzo.dimartino@cnr.it

Ti ringrazio per la passione con cui ti dedichi in tutto ciò che interessa Pantelleria e ti rinnovo, se mai ve ne fosse necessità, il mio appoggio per tutte le iniziative che vorrai intraprendere.

Un caro abbraccio a te e Mariella. 

Vincenzo

horizontal rule

(copyright Guido Picchetti) 

Questa pagina è stata aggiornata il 11/10/10 .